Migranti uccisi dalla marina libica, Matteo Orfini: “Noi li finanziamo, siamo responsabili”

0
13

Due migranti del Sudan sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco dalla marina libica mentre cercavano di fuggire dal campo di detenzione.

Marina libica 28/07/2020

 

Due migranti sudanesi sono stati uccisi nelle ultime ore da militari della marina libica. A denunciare l’accaduto è stata l’Organizzazione internazionale per le migrazioni – riporta La Stampa – che parla anche di cinque feriti: “Due migranti sudanesi sono stati uccisi in una sparatoria in Libia dopo essere stati riportati nel Paese. L’Oim ritiene deplorevole questa violenza insensata e chiede che i migranti non siano rimandati entro i confini libici” – la denuncia lanciata dall’organizzazione tramite un post su Twitter. Non è tutto: l’Ong Proactiva dichiara che questo non è un caso isolato e che in altre occasioni le truppe libiche hanno aperto il fuoco sulle imbarcazioni dei profughi. I due migranti uccisi avrebbero perso la vita perché, temendo di finire in uno dei  campi di raccolta libici, hanno tentato la fuga assieme ad altri, poi catturati dall’esercito. Le autorità libiche hanno sparato loro addosso con le armi da guerra, anche se nessuno dei sudanesi era armato o in grado di nuocere – secondo le fonti dell’Oim.

L’Oim rinnova l’appello già lanciato dalle Ong a non permettere alle autorità libiche di riportare le persone nel Paese, dove talvolta vengono maltrattate ed uccise in campi di detenzione. Molti di loro non sono nemmeno originari della Libia, come nel caso del gruppo di migranti che è stato coinvolto nella sparatoria. La responsabilità di queste morti per l’organizzazione grava sulla coscienza dell’Unione Europea: “La Libia non è un posto sicuro, bisogna ribadirlo: serve un sistema diverso per gestire l’emergenza e soprattutto le nazioni dell’UE devono assistere i paesi che si affacciano sul mediterraneo per impedire altre violenze”, si legge in una nota del comunicato – come riporta La Repubblica.

Alcuni deputati di Liberi e Uguali hanno proposto proprio questo mese di troncare la collaborazione con la marina libica che viene assistita dal nostro Paese nel recupero dei migranti.  Il Dem Matteo Orfini – da sempre contrario agli accordi tra il Governo italiano e la marina libica  ha commentato sul suo profilo Twitter: “La Marina Libica ha fermato i migranti con tutti i mezzi possibili, comprese le armi. Noi li finanziamo per questo, siamo responsabili di un’orribile violenza”. 

 

Fonte: Repubblica, La Stampa, Matteo Orfini Twitter

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui