Home Estera Germania, tornano a salire i casi: mattatoi e Chiese i principali luoghi...

Germania, tornano a salire i casi: mattatoi e Chiese i principali luoghi di contagio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:30
CONDIVIDI

Tornano a salire i casi di Covid in Germania. I nuovi focolai hanno preso vita nei mattatoi e nelle Chiese.

coronavirus germania

Tempi duri per il Paese della cancelliera Angela Merkel. Proprio in questi giorni – riferisce Fanpage – è scoppiato un nuovo focolaio all’interno di un condominio di Berlino. I condomini risultati positivi sono già a quota 70 e, per evitare una rapida diffusione, si è deciso di mettere in quarantena le oltre 370 famiglie che abitano nei blocchi residenziali vicini. Stando alle prime ricostruzioni degli esperti, tutto potrebbe essere partito da un pic -nic organizzato nella Chiesa del quartiere. A supporto di questa ipotesi il fatto che anche il parroco sia positivo al Coronavirus.

E dalla Chiesa ai mattatoi, il Covid ancora non abbandona le strade tedesche. A  Gutersloh, nel Nord Reno Vestfalia, circa 7000 persone sono ora in quarantena a causa di un focolaio scoppiato in un mattatoio gestito da Tonnies, una grande azienda del settore della carne. Anche se i mattatoi rappresentano un luogo di propagazione privilegiato un po’ ovunque. Infatti – spiega Fanpage – si sono registrati contagi anche negli Stati Uniti, in Canda, in Irlanda, Spagna, Brasile e persino in Italia. Il Covid si diffonde qui più facilmente che altrove in quanto si tratta di luoghi dove le persone spesso, non riescono a mantenere il distanziamento sociale. Inoltre in alcuni casi i lavoratori – sottopagati – vivono ammassati in alloggi dalle dubbie condizioni igieniche. Infine le basse temperature dei mattatoi spianano ulteriormente la strada all’infezione virale.  Il consumo di carne, comunque – spiegano gli scienziati – resta assolutamente sicuro. Anche qualora l’animale venisse contaminato dal lavoratore infettato, la cottura distruggerebbe il virus. Il Ministero della Salute ha specificato che le malattie respiratorie non si trasmettono attraverso gli alimenti.

Lo scorso mese sempre la Germania – riportava il  Corriere della Sera – fu al centro dell’attenzione mediatica per due party sull’acqua che furono occasione di assembramenti. Due feste familiari nella città della Bassa Sassonia – Gottinga – prolungatesi anche in una fase post-party tra i giovani,  contribuirono ad un nuovo focolaio. Ben 36 persone, tra i partecipanti ai party, risultarono  positive al Covid-19. Una addirittura precipitò subito in gravi condizioni. Mentre altri 310  furono messi in quarantena per aver avuto contatti ravvicinati con alcuni tra i partecipanti alle feste. Al centro del ciclone anche il bar che aveva ospitato le famiglie organizzatrici delle due feste per aver violato le norme di sicurezza: assenza di mascherine e distanza di sicurezza sociale. Il locale fu chiuso. Dilek Kalayci, senatrice socialdemocratica del Land alla Salute, dichiarò: “Comprendo le loro ragioni e le difficoltà economiche in cui versano i club ma quello di domenica resta un atto irresponsabile.Feste e pandemia non vanno d’accordo”.

Proprio per far fronte alle difficoltà dei tanti imprenditori piegati dal lockdown, la Germania – riferisce La Stampa – ha deciso di tagliare le aliquote sui consumi. Nel pacchetto rilancio promosso da Berlino, infatti, è prevista una bella sforbiciata all’Iva. La misura sarà temporanea, avrà validità dall’1 luglio fino al 31 dicembre 2020. Durante questo periodo l’Iva tedesca passerà dal 19% al 16%per quella ordinaria e dal 7% al 5% per quella agevolata.

 

 

 

 

Fonte: Corriere della Sera, La Stampa, Fanpage

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]