Palermo, messa di Natale con Gesù bambino nero: “Ricordatevi dei migranti, sempre”

0
2

Nella notte della Santa Messa natalizia, nel capoluogo siciliano, sull’altare è stata posizionata una statua di un bambin Gesù nero.

Palerno, l'Arcivescovo celebra messa di Natale con statua bambino Gesù nero - Leggilo.org

Un bambino Gesù nero, che nasce dopo le peripezie attraversate dalla Sacra Famiglia, in un viaggio che ricorda quello odierno dei migranti. Questo il messaggio che ha voluto lanciare la notte di Natale l’Arcivescovo Corrado Lorefice, come racconta Open. Il corridoio centrale del Duomo di Palermo è stato attraversato da un piccolo gruppo di otto bambini vestiti di bianco, in compagnia di due persone adulte, un uomo italiano e una donna straniera, che hanno consegnato nelle mani dell’Arcivescovo la piccola statua. A quel punto il sacerdote celebrante ha baciato ii piccolo Gesù e lo ha innalzato davanti ai palermitani accorsi alla funzione. La statua del Gesù nero è stata poi posizionata dall’altra parte dell’altare ed ai suoi piedi è stato disposto un Vangelo aperto sulle pagine che celebrano la nascita di Cristo. Quest’ultimo passaggio, della traversata di tutta la navata del Duomo, idealizza le traversate nel Mediterraneo dei migranti. Una scelta che sin dalla scorsa notte sta facendo molto discutere, con numerosi fedeli che hanno chiesto di lasciare fuori, durante queste funzioni sacre, le personali opinioni politiche. Come racconta Repubblica, l’Arcivescovo Lorefice non è nuovo a queste iniziative. Poco tempo fa ospitò nei locali della Curia una donna migrante con il suo piccolo bambino. Negli ultimi mesi, Lorefice, ha più volte accolto sui moli del porto le navi che portavano a Palermo migranti soccorsi nel Mediterraneo. Inoltre, in un libro che Papa Francesco donò a Luca Casarini, capo della missione “Mare Jonio” nave che soccorre i migranti e fa parte del progetto “Mediterranea”, scrisse una dedica: “Sono con voi”.

 

Fonte: Open, Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui