Home Politica Alessandro Di Battista: “Conosco il Partito Democratico, non credo finirà bene”

Alessandro Di Battista: “Conosco il Partito Democratico, non credo finirà bene”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:18
CONDIVIDI

Alessandro Di Battista ha rotto il silenzio e ha parlato con i microfoni di Dritto e Rovescio, chiarendo la sua posizione in merito al nuovo governo.

alessandro di battista

Alessandro Di Battista è stato intervistato dalla trasmissione di Paolo Del Debbio Dritto e Rovescio su Rete 4 e gli è stato chiesto che cosa ne pensa del governo di coalizione tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico. Sembra che Gianluigi Paragone non sia il solo a pensare che non si dovesse compiere questo passo, visto che Di Battista ha chiarito di essere un po’ perplesso.

Di Battista: “Su Conte staremo a vedere”

Alla domanda del giornalista su che cosa ne pensi di questo governo, Di Battista ha dichiarato: “Speriamo bene. Non è un segreto di stato il fatto che io sia scettico, perché conosco il Partito Democratico. Come tutti i cittadini mi auguro il meglio“.  Anche sul Presidente del Consiglio Giuseppe Conte non si sbilancia: “Staremo a vedere. Io come tutti i cittadini sono un datore di lavoro dei politici, aspetterò di vedere e giudicherò i risultati”. E, ne corso dell’intervista, ha espresso concetti ribaditi sulla sula pagina FB

Gli inceneritori si chiamano inceneritori, non termovalorizzatori. Le guerre di invasione si chiamano guerre di…

Pubblicato da Alessandro Di Battista su Giovedì 12 settembre 2019

Di Battista ha anche un’opinione sulla discussa nomina di Luigi Di Maio a Ministro degli Esteri: “In bocca al lupo, gli auguro il meglio. Oggi per me l’interesse dell’Italia passa anche attraverso scelte politiche coraggiose. L’Italia è stata destabilizzata del tutto con scelte di politica estera scellerate, anche queste portate avanti soprattutto dal PD. L’unico modo è liberare l’Africa da poteri enormi che l’hanno resa un continente di schiavi”. E sul fatto che gli sia stato proposto un posto nel governo durante le consultazioni dice: “Se mi hanno chiesto di entrare al governo? Credo che il Partito Democratico abbia, in un certo senso, posto dei veti. Però è pur vero che io avevo esternato, non dico pubblicamente, però lo scrivono i giornali, uno scetticismo rispetto a questa cosa, quindi è anche comprensibile” e ha aggiunto: “Ho sentito un’intervista ad Andrea Orlando in cui dice che, in questo Paese, i poteri forti non esistono; invece si chiamano ‘De Benedetti’, ‘Benetton’, ‘Caltagirone’, ‘Malagò’… sono questi i miei avversari. Per me il Pd resta il partito garante di questo sistema”.

Anche su Matteo Renzi le idee sono abbastanza chiare: “Cosa avrebbe dovuto fare Renzi? Mollare la politica. Proverà a riorganizzare i gruppi parlamentari, proverà a creare una sorta di minoranza interna. La convenienza personale viene sempre messa davanti agli interessi del Paese. Per quanto mi riguarda Renzi è così: se si fosse andati a voto la maggior parte dei suoi parlamentari neppure sarebbero stati candidati da Zingaretti e lui si sarebbe trovato con un pugno di mosche in mano. Ha agito per istinto di sopravvivenza”.

Molto critico, ma non feroce, Di Battista lo è stato nei confronti dell’ex Ministro dell’Interno: “Salvini mi ha deluso quando si è dimostrato molto pavido di fronte a quelli che sono ‘i poteri forti’“.  Sugli  ‘errori politici’ commessi dal leader della Lega, Di Battisa non ha fatto giri di parole: “È vera la storia che Salvini ha proposto a Luigi Di Maio di fare il premier, lo posso garantire da fonti dirette. Fondamentalmente lui ha avuto lo stesso vizio di Renzi: un’ubriacatura di potere. Un’arroganza tale che l’ha fatto sentire il ‘re del mondo’. Tanta gente ai suoi comizi, tante foto… si è sentito amato più di ogni altro, ma ha sottovalutato le regole parlamentari e ha commesso un autogol clamoroso. Se non mantieni i piedi per terra, ancorati alla realtà, rischi di montarti la testa e, secondo me, si è montato la testa ed ha preso una craniata”.

L’ultima battuta è per Beppe Grillo: “E’ difficile conoscere persone come Beppe che hanno rinunciato ad una valanga di soldi per dare una mano al Paese. Perché questo è stato Beppe Grillo. Io riconosco un’onestà intellettuale a Beppe che veramente poche altre volte ho trovato in altri essere umani”.

 

Fonte: Rete 4, Alessandro di Battista FB

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]