Prima ha negato, dopo ha ammesso la propria responsabilità. A Mantova una madre è stata arrestata per aver massacrato di botte il figlio, un bimbo di appena quattro mesi: sulla vicenda indaga la Procura.

Bambino picchiato a Mantova - Leggilo

 

Una donna di 30 anni, sposata e con tre figli, è stata arrestata a Mantova. Su di lei pesa un’accusa gravissima, quella di maltrattamenti aggravati ai danni del suo bambino di soli 4 mesi, come riportato da La Gazzetta di Parma. Le condizioni del piccolo sono gravissime, con lesioni su tutto il corpo: ematomi, traumi, fratture. La Procura di Mantova ha fatto partire le indagini e disposto la misura cautelare in carcere per la madre del bambino. La donna si è inizialmente difesa, accusando gli altri due suoi figli delle violenze sul bambino, poi ha parzialmente ammesso il suo coinvolgimento, dopo un lungo interrogatorio.

Con molta probabilità i maltrattamenti andavano avanti da diverso tempo e ad accorgersi delle violenze è stata la nonna del piccolo, che lo ha sentito piangere nella stanza accanto alla sua. La nonna ha trovato il bambino con bava alla bocca, vomito e diarrea. Si è preoccupata e ha chiamato immediatamente i soccorsi. Il bambino è stato trasportato d’urgenza in ospedale, e trasferito in rianimazioni, in prognosi riservata, come riportato da Fanpage.

I medici hanno riscontrato numerose gravi lesioni sul corpo del piccolo, oltre alla sindrome del “bambino scosso”, una patologia che rischia di degenerare portando cecità e disturbi neurologici. Di fronte a questa scoperta il sostituto procuratore di Brescia Matteo Grimaldi ha subito ordinato l’immediato allontanamento degli altri tre figli della donna dal nucleo familiare e il loro collocamento in una comunità. La madre invece resta sotto accusa in carcere. Intanto è stata visitata da una psicologa, che ne ha tracciato un quadro psicologico molto delicato con tracce di depressione che potrebbero provocare nuovi scatti di rabbia improvvisa.

Alessandra Curcio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui