Home Politica Berlusconi: “L’Italia è stata consegnata alla Sinistra. C’è bisogno di qualcuno che...

Berlusconi: “L’Italia è stata consegnata alla Sinistra. C’è bisogno di qualcuno che pensi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:32
CONDIVIDI

In piena crisi di governo, la destra sembra essere divisa. Salvini chiude a Berlusconi, ed anche Fratelli d’Italia sembra voler viaggiare per conto suo.

Il fatto che la Lega abbia riproposto di resuscitare l’esperienza gialloverde rappresenta per noi un problema politico molto serio, su cui gli elettori di centrodestra devono riflettere seriamente, perché così si è consegnato il Paese alla Sinistra“. E ancora: “Solo Forza Italia può essere il centro pensante ed operativo per riformare il centrodestra. Solo noi siamo continuatori della tradizione liberale, democratica e garantista. Dobbiamo rilanciare quel centrodestra in cui avevano piena cittadinanza le idee della destra democratica e del regionalismo, non un’alleanza di sovranisti e populisti“. Sono solo alcune delle critiche che il Leader di Forza Italia Silvio Berlusconi ha mosso all’alleato di un tempo, Matteo Salvini, che non ha perso tempo a replicare.

Voglio dare una risposta a Berlusconi. Noi non abbiamo bisogno di niente e di nessuno“. Così Matteo Salvini, dal palco della festa della Lega a Conselve, in provincia di Padova, si rivolge al leader di Forza Italia. Il leader della Lega, informa Adnkronos, ha chiarito di non avere nessuna intenzione di stringere alleanza con il partito dell’ex Premier, per rivivere una situazione analoga a quella appena conclusa: non vuole insomma passare da un’alleanza che bloccava le iniziative proposte dalla Lega, ad un’altra che non fa fare le cose. “Noi abbiamo mollato le nostre poltrone per dare parola agli italiani. La Lega ha avuto il coraggio unico al mondo di andare dal presidente della Repubblica e di mettere sul tavolo i suoi ministeri e chiedere che la parola tornasse ai cittadini italiani”, ha continuato Salvini convinto della necessità di andare al voto.

Un voto che prima o poi arriverà, sostiene il leader della Lega. E solo allora i partiti che oggi trovano un accordo, usciranno di scena. “Noi non andremo mai col Pd, mai con la sinistra, altri invece per le cadreghe…. Tenetevi le vostre fottutissime poltrone. Noi andiamo avanti a testa alta e vinceremo“, prosegue Salvini, parlando dell’accordo in corso come di “una squallida guerra di poltrone. Non hanno un programma e non sono d’accordo su niente. Stanno già litigando su tutto ancor prima di fare il governo. Sono scene incredibili”, conclude.

Al contrario, se a Sinistra si cerca di trovare accordi e scendere a patti, il centrodestra appare più diviso che mai. Le consultazioni con il Premier incaricato Giuseppe Conte – informa SkyTg24 – hanno messo in mostra tutte le divisioni fra i papabili alleati. Silvio Berlusconi ha annunciato un’opposizione composta, ma né Giorgia MeloniMatteo Salvini si sono presentati all’incontro, disertando l’incontro. Questi ultimi due hanno deciso di scendere in piazza contro l’alleanza Pd-M5S, ma ognuno per conto loro. Fratelli d’Italia ha annunciato una manifestazione quando ci sarà la fiducia al nuovo governo, mentre la Lega scenderà in piazza il 19 ottobre.

La nostra passione per l’Italia non è in vendita! Roma, sabato 19 ottobre, #orgoglioItaliano 🇮🇹

Pubblicato da Matteo Salvini su Venerdì 30 agosto 2019

I tre partiti di destra sembrano insomma non trovare punti in comune. “Il fatto che la Lega abbia riproposto di resuscitare l’esperienza gialloverde rappresenta per noi un problema politico molto serio, su cui gli elettori di centrodestra devono riflettere seriamente, perché così si è consegnato il Paese alla sinistra“, ha detto Berlusconi commentando le riaperture di Salvini all’ormai ex alleato. All’opposizione, nonostante le alleanze in diverse regioni, convivono visioni diverse della missione politica da portare avanti. Berlusconi mette al centro Forza Italia come il centro pensante ed operativo per riformare il centrodestra. “Solo noi siamo continuatori della tradizione liberale, democratica e garantista. Dobbiamo rilanciare quel centrodestra in cui avevano piena cittadinanza le idee della destra democratica e del regionalismo, non un’alleanza di sovranisti e populisti“, ha affermato l’ex Premier, come informa Rainews

Ricapitolando, i tre partiti di centrodestra sembrano prendere le distanze l’uno dall’altro. Stando ai sondaggi, la Lega è in testa, al 31,9 per cento; segue Fdi all’8,8 per cento e dietro Forza Italia, al 6,8 per cento.

Fonte: Adnkronos, Matteo Salvini Facebook, Rainews

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]