Home Cronaca Open Arms, la nave ong salva 69 migranti: in 124 cercano ora...

Open Arms, la nave ong salva 69 migranti: in 124 cercano ora un porto sicuro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:59
CONDIVIDI

La Procura della Repubblica ha disposto il dissequestro della nave Mare Jonio. Mediterranea Saving Humans si prepara a tornare in mare per raccogliere migranti. Intanto la Open Arms continua le operazioni di salvataggio in Libia e certa un porto sicuro per lo sbarco.

Mare Jonio dissequestrata - Leggilo

Da suo profilo Twitter, la Mediterranea Saving Humans annuncia il futuro ritorno in mare, dopo il dissequestro della nave Mare Jonio.

 

Per il recupero dei migranti dispersi al largo della terra libica, attualmente, sono impegnate le Ong Open Arms, spagnola, e Sea Eyes, tedesca. Proactiva, la nave di Open Arms, ha salvato nella notte 69 migranti al largo della Libia, come riportato dall’Ansa. Le condizioni delle persone tratte in salvo dalle acque del Mediterraneo sono apparse subito preoccupanti: tra di loro ci sono “2 donne incinte di 8 mesi, e 4 bambini di cui 2 molto piccoli”, come ha raccontato Riccardo Gatti, direttore di Open Arms Italia a Radio Capital.

A bordo della nave, ora, ci sono 124 persone: nella giornata di ieri, infatti, la Open Arms aveva provveduto al salvataggio di altri 52 migranti. Cosa succederà ora alla nave? A spiegarlo è lo stesso Gatti, che descrive la situazione attuale: “Abbiamo informato le autorità competenti delle diverse zone Sar. Abbiamo già ricevuto il divieto di Salvini di entrare nelle acque, anche se non ci stiamo dirigendo verso Lampedusa. Stiamo aspettando delle risposte, ma prima di tutto bisogna stabilizzare la situazione a bordo“.

Proprio ieri il fondatore della ong catalana Oscar Camps aveva chiesto un porto sicuro per far sbarcare le persone a bordo. Stessa richiesta avanzata dalla nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye, che si trova sempre a poche miglia da Lampedusa. La Germania si è detta disposta ad accogliere le 30 persone sbarcate dalla Gregoretti dopo il via libera del Ministro dell’Interno, a patto che l’Italia faccia sbarcare i 40 migranti della Alan Kurdi. Non si è fatta attendere la risposta, riportata da Repubblica, di Matteo Salvini, che visto la proposta come un ricatto: “La verità vera è che noi abbiamo dovuto organizzarci da soli. Poi mi arrivano lettere come quella della Ue che mi dicono che prendono alcuni immigrati solo se ne faccio sbarcare altri“.

Alessandra Curcio

Fonti: Ansa, Twitter Mediterranea Saving Humans, Radio Capital, Repubblica

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]