Home Cronaca Roma, ai migranti non piace il cibo che viene loro offerto: finisce...

Roma, ai migranti non piace il cibo che viene loro offerto: finisce nella spazzatura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:49
CONDIVIDI

Cibo destinato agli immigrati gettato nella spazzatura. Questo quanto accade davanti al centro d’accoglienza nel Municipio IX di Roma. La denuncia arriva da Fratelli d’Italia.

Cibo gettato spazzatura - Leggilo

Siamo in Via Pallavicini, nel Municipio IX di Roma, davanti ad un centro di accoglienza. Ed è qui che, nei cassonetti della spazzatura, il cibo destinato agli immigrati viene gettato nell’immondizia. Forse non hanno fame o forse non gradiscono ciò che gli viene offerto. Forse il quantitativo inviato è eccessivo. Quale ne sia motivo quello che viene destinato loro grazie ai soldi pubblici viene sprecato e gettato nella pattumiera, ancora confezionato e in buste chiuse. A denunciare la situazione, sui social, è Andrea De Priamo, capogruppo di Fratelli d’Italia al Campidoglio. In alcuni video, diffusi su Facebook, si vedono decine di sacchi grigi della spazzatura ammassati a ridosso della struttura. “È possibile che non si riesca ad inviare un quantitativo giusto di cibo e se ne debba sprecare così tanto?”, si chiede De Priamo annunciando un’interrogazione urgente al Sindaco Virginia Raggi.

In questo video è possibile vedere cosa viene buttato nei cassonetti che insistono a ridosso di un centro richiedenti…

Pubblicato da Andrea De Priamo su Mercoledì 12 giugno 2019

Nel primo video, si vede una mano coperta dal guanto rompere dei sacchetti. Ci sono porzioni abbondanti di pasta, risotto, in bianco o al sugo. Ma anche secondi di carne e di pesce. Visibile una bistecca impanata con il contorno di patate al forno. In un sacco ci sono decine di piatti in plastica, ancora chiusi ermeticamente con la pellicola trasparente. Il secondo video, invece, mostra sacchi di carta stracolmi di pane, ogni pagnotta è ancora protetta dal proprio sacchetto di plastica. Ciò che emerge, insomma, è una situazione di spreco e di business legato alle attività delle Sprar, Servizio centrale di protezione dei richiedenti asilo. Se i 21 euro a migrante stabiliti dal Viminale sembrano pochi, gli sprechi mostrano l’esatto contrario.

I soldi degli italiani, in aiuto ai centri d’accoglienza – spiega De Priamo al Messaggero – non solo ingrossano il circuito dello spreco alimentare ma soprattutto fanno riflettere sulla gestione delle risorse a loro destinate”. A denunciare la situazione anche la leader di FDI Giorgia Meloni che, riprendendo il video, scrive su Facebook: “VERGOGNA! Davanti al centro d’accoglienza nel Municipio IX di Roma il cibo destinato agli immigrati gettato nell’immondizia. Andremo in fondo a questa vicenda: presenteremo un’interrogazione d’urgenza al sindaco Raggi e chiederemo riscontro dell’accaduto ad ogni livello istituzionale!”

🔴VERGOGNA! Davanti al centro d’accoglienza nel Municipio IX di Roma il cibo destinato agli immigrati gettato nell’immondizia. Guardate e fate vedere a tutti il video diffuso dal capogruppo di Fratelli d'Italia in Campidoglio Andrea De Priamo.Andremo in fondo a questa vicenda: presenteremo un’interrogazione d’urgenza al sindaco Raggi e chiederemo riscontro dell’accaduto ad ogni livello istituzionale!

Pubblicato da Giorgia Meloni su Giovedì 13 giugno 2019

Quello di via Pallavicini non è un caso isolato. Anche a Pozzallo, nel 2014, accanto ad un centro di accoglienza i cassonetti della spazzatura si riempivano di cibo ancora chiuso. L’anno scorso, un altro scandalo era scoppiato al centro di accoglienza di Castelvetrano.

Fonte: Andrea De Priamo FB, Giorgia Meloni FB, Il Messaggero

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]