Home Politica Salvini, un milione di followers “Il 26 maggio può accadere qualcosa di...

Salvini, un milione di followers “Il 26 maggio può accadere qualcosa di clamoroso”

CONDIVIDI

Nando Pagnoncelli, come di consueto, verifica il gradimento di governo e partiti tra gli italiani: i giudizi positivi prevalgono su quelli negativi.

Il 53% degli italiani approva l’esecutivo che sta guidando il Paese, il 36% lo sostituirebbe invece volentieri. L’indice di gradimento si attesta a 60, diminuendo di tre punti. In calo anche le preferenze per Conte e Di Maio. Per quest’ultimo le valutazioni negative (46%) prevalgono su quelle positive (41%). Salvini spopola aumentando di due punti il suo indice di gradimento (da 58 a 60). E Intanto Matteo Salvini festeggia su FB il milione di follower  «Passione, impegno, ascolto, concretezza, poche polemiche e tante decisioni. In Italia come su Instagram stiamo crescendo: grazie Amici, senza di voi nulla avrebbe senso».

 

 

Se si dovesse andare al voto adesso come voterebbero gli italiani?Nelle intenzioni di voto la Lega cresce sul Movimento5Stelle: la prima infatti si attesta al 36,2% delle preferenze (+1,5%), il secondo al 27,7% (-1%). Incrementa anche il Pd, al 16,8% (+0,3%). Scende Forza Italia al 7,9%. Rispetto al voto del 4 marzo, la Lega ha quasi raddoppiato i consensi, riuscendo a mettere d’accordo persone molto diverse tra di loro e convincendo anche il mondo cattolico. Forza Italia, invece, perde consensi proprio nel suo solito bacino di elettori: casalinghe, persone meno scolarizzate e lavoratori autonomi. La delusione nei confronti dei grillini continua: molta parte dell’elettorato cinque stelle ha virato ora su altre scelte politiche.

Italiani ed Europa: un atteggiamento ambiguo

Aumentano anche indecisi e astensionisti che oggi rappresentano il 36,2%, vale a dire quasi 3,2 milioni di elettori in più rispetto alle politiche. Questo dato rafforza la Lega, il cui elettorato resta fedele e decide di andare a votare, rispetto agli elettori di altri partiti che scelgono di astenersi. La prossima scadenza elettorale, quella del 26 maggio, è ancora lontana e si registrano atteggiamenti ambivalenti degli italiani nei confronti dell’Europa. Le sorprese sono dietro l’angolo e dopo la bocciatura della Manovra da parte dell’Unione Europea e le conseguenti bizze del mercato, con un nuovo aumento dello spread, la paura potrebbe indurre gli elettori a virare su partiti decisamente meno ostili all’UE.

 

Alessandra Curcio