Home Cronaca I 18 anni di Denise: gli auguri della mamma e l’ultima svolta...

I 18 anni di Denise: gli auguri della mamma e l’ultima svolta nelle indagini

CONDIVIDI

La famiglia di Denise Pipitone continua la sua ricerca. Oggi la ragazza scomparsa ha compiuto 18 anni e un nuovo indizio ha riaperto le indagini.

Oggi Denise Pipitone diventa maggiorenne. Della piccola sparita il primo settembre 2004 a Mazara Del Vallo (Trapani), non si hanno più avuto notizie, ma la famiglia non ha mai perso la speranza. Per celebrare il giorno del suo diciottesimo compleanno, i  genitori Piera Maggio e Piero Pulizzi  hanno deciso di consegnare agli allievi della scuola Rodari alcuni giocattoli regalati alla loro bambina dopo la scomparsa. E con commosse parole hanno condiviso sui social i loro auguri alla figlia che non smettono di aspettare, Tra i giochi, rimasti inutilizzati, una casetta e una bici. Nella scuola  Rodari di piazza Macello, a Mazara del Vallo, Denise ha frequentato il primo anno di scuola dell’infanzia. “La casetta – spiega Piera Maggio in un post pubblicato su Facebook – è quella regalata dall’allora amministrazione comunale di Mazara del Vallo in occasione del quarto compleanno di Denise, quasi due mesi dopo il suo sequestro”.

“Denise, ovunque tu sia, mamma e papà, ti augurano nel tuo 18esimo compleanno, che da adesso in poi, tu possa intraprendere un nuovo cammino pieno di gioie e soddisfazioni che ti accompagni nell’essere una donna amorevole e coraggiosa.
Che possa tu stessa, un giorno ritrovare la strada di casa, dove ci saranno ad attenderti le persone che più ti amano al mondo. Mamma e papà.” Così immaginano ora Denise le persone che gli vogliono bene, come una donna e non più come quella bambina sequestrata 14 anni fa.

Caso Denise Pipitone, un’impronta riapre le indagini

Il 1° settembre del 2004 Denise Pipitone stava giocando davanti casa della nonna materna insieme a un cuginetto, prima di sparire nel nulla. Subito si è pensato ad un rapimento. Ma chi avrebbe potuto farlo? Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise, e la madre Anna Corona finirono nel mirino degli investigatori. Per gli inquirenti Jessica non avrebbe mai accettato la nascita della piccola dalla relazione extraconiugale del padre. La Cassazione il 24 aprile del 2017 ha assolto in via definitiva la sorellastra di Denise, per mancanza di prove. Poche settimane fa un ultimo tassello nelle indagini: stando quanto rivelato dall’inviata di Pomeriggio 5, il Ris di Messina avrebbe ritrovato alcune minuscole impronte di polpastrelli dalle quali sarebbe possibile estrarre il Dna e capire gli ultimi movimenti della piccola Denise. Per mamma Piera, che non ha mai perso la speranza, arriva un’altro motivo per continuare a lottare.

Alessandra Curcio