Home Spettacolo e Gossip L’ultima critica ad Elisa Isoardi: “Ha perso spontaneità”

L’ultima critica ad Elisa Isoardi: “Ha perso spontaneità”

CONDIVIDI

Anna Moroni è stata per tanti anni la spalla di Antonella Clerici a “La Prova del cuoco” e quest’anno dopo l’abbandono della sua storica conduttrice, ha deciso anche lei di lasciare la trasmissione per tentare nuove avventure. Da fine ottobre sarà infatti al fianco di Davide Mengacci nel programma di Rete 4 “Ricette all’italiana”.

 

Nel frattempo è stata intervistata da “Tv Sorrisi e Canzoni” e ha parlato di quella che per tanto tempo è stata la sua casa, al fianco della Clerici. La Moroni ha detto che da quando Antonella le aveva anticipato che sarebbe stato il suo ultimo anno, anche lei ha deciso di mollare: “È una questione di coscienza. Ho cominciato con Antonella, ho deciso di finire con lei. Non mi sembrava giusto continuare senza di lei. E poi a giugno mi sentivo stanca. Io ho quasi 80 anni eh? (ride). Pensavo di tornare a fare la casalinga felice, godermi i nipoti”.

Inevitabile la domanda scomoda: come ha visto il cambio tra la Clerici e Elisa Isoardi. La Moroni ha detto che continua a guardare il programma (“Certo che lo guardo, perché non dovrei?”) e che rispetto a prima – quando Elisa sostituì Antonella durante e dopo la gravidanza tra il 2008 e il 2010 –  ha perso un po’ di spontaneità: “È molto cambiato ma è normale che sia così: ogni conduttrice si cuce il programma su di sè. Certo, quando Elisa sostituì Antonella durante la gravidanza era più spontanea. Mi piacerebbe che ritrovasse un po’ di quella naturalezza”.

Immaginiamo che ci voglia molta forza per essere naturali, visto che la Isoardi è perennemente attaccata dai giornali per via della sua conduzione, che non sta dando i risultati sperati. La naturalezza non può venire se si è posti continuamente sotto i riflettori per venire criticate persino perché ci si sistema i capelli. Sappiamo che non è facile sostituire una conduttrice tanto amata, eppure contro Elisa c’è un accanimento mediatico non indifferente, soprattutto per le sue scelte private. Se fosse stata un uomo si sarebbero dette le stesse cose?