Home Cronaca “Qui non ti vogliamo neanche morto, vattene”. Rabbia contro la salma di...

“Qui non ti vogliamo neanche morto, vattene”. Rabbia contro la salma di Lugi Capasso

CONDIVIDI

 

Luigi Capasso il carabiniere cha ha ferito la moglie e ucciso a sangue freddo le figlie, continua a suscitare rabbia e indignazione. Il suo feretro ha lasciato il cimitero di Cisterna accompagnato dalla parola «Vatténne, Vatténne» e da gesti di insofferenza. «Non c’è perdono per quello che ha fatto» dicono. La sua salma è stata bendettea dopo che ègiunta nell’obitorio del cimitero di Poggioreale, a Napoli, e non nella parrocchia del quartiere Secondigliano dove Capasso era originario. In un primo momento la benedizione della salma si sarebbe dovuta tenere in chiesa, ma è stata spostata all’ultimo momento. Sembra che proprio a Scondigliano dopo l’affissione dei manifesti funebri, erano state raccolte voci contrarie al fatto che l’ultimo saluto a Capasso si svolgesse nella parrocchia.  Nessuno dei familiari era presente ad accompagnare la bara