Home News dal mondo Bambina di 6 anni viene attaccata da un cobra mentre dorme

Bambina di 6 anni viene attaccata da un cobra mentre dorme

CONDIVIDI
(Websource/Archivio)

Attimi di panico la scorsa mattina in casa Grove a Ballito, città che si trova nella provincia di Kuala Zulu in Sud Africa, quando la piccola Mikayla-Sue si è svegliata piangendo per un forte dolore ai denti. I genitori della bambina, Inge e Ludwig, si sono immediatamente fiondati nella stanza dove Mikayla-Sue e la sorella Izabella sono solite dormire e si sono immediatamente accorti che il dolore manifestato dalla figlia non era dovuto ad un semplice mal di denti, ma al morso di un cobra che le stava pericolosamente girando intorno.

I due sono quindi entrati nella stanza, Ludwig ha preso in braccio le due figlie e le ha portate fuori dalla stanza, ma la moglie è stata attaccata contemporaneamente dal serpente, il quale li ha iniettato del veleno nell’occhio. Terrorizzati, tutti i componenti della famiglia sono saltati in macchina e sono andati al vicino ospedale di Alberlito (distante 10-15 minuti di macchina dalla loro abitazione). Durante il viaggio Inge ha continuato a bagnare l’occhio con dell’acqua e questo pare sia stato fondamentale per non farle perdere la vista.

La piccola Mikayla-Sue è stata immediatamente intubata, i medici le hanno immesso un tubo all’interno della sua gola rigonfia per permetterle di respirare. Quindi hanno effettuato un’iniezione di antidoto per veleno, operazione che si è ripetuta 17 volte nel giro di 12 ore. Adesso pare che la piccola sia fuori pericolo, è tornata vigile, risponde agli stimoli e respira senza bisogno di sostegno. L’unico segno dell’attacco, dunque, rimane un imponente cicatrice sul volto che verrà successivamente cancellata da un intervento chirurgico. Mentre la famiglia Grove attendeva in ospedale che Mikayla-Sue si riprendesse, una squadra di cacciatori di serpenti è entrata in casa loro per cacciare l’ospite indesiderato, che si è scoperto essere un cobra sputatore del Mozambico, in grado di spruzzare veleno a grande distanza da delle sacche che si trovano all’interno della sua bocca.

FS