Home Politica “La mia villa è piena di Viagra. L’hanno presa tutti, è finita”

“La mia villa è piena di Viagra. L’hanno presa tutti, è finita”

CONDIVIDI
viagra
(Websource/archivio)

Passano gli anni, aumentano le accuse e le polemiche intorno a lui, ma il Cavaliere non perde mai la sua verve comica, il suo sorriso a 32 denti e lo spirito per fare battute. Intervenuto infatti su Canale 5 alla trasmissione condotta da Nicola Porro, Matrix, ha dichiarato, parlando della sua villa lussuosa, ampia, sfarzosa e con un giardino ultra curato: “Nella mia casa in Sardegna ci sono molte piante, ficus, rose. E anche erbe medicinali. Molti studenti sardi e anziani sardi le vengono a visitare. Tra queste erbe c’è pure quella del viagra…L’hanno presa tutta, non ne è rimasta un filo…”. Lo ha detto scherzando sul suo pollice verde e rispondendo alle voce di una sua possibile cessione. Un piccolo gioiellino di cui Berlusconi è molto geloso. Successivamente ha risposto a Matteo Renzi, riguardo le dichiarazioni del leader del Pd, che ha definito il Berlusca, come un pericolo non per la democrazia, ma per l’economia: “A certe stupidaggini non ne vale la pena di rispondere”. Glissa dunque l’argomento con freddezza glaciale e si sposta sul tema della giustizia: “Mutuare dal sistema giuridico Usa l’introduzione della cauzione per reati non di sangue”.

Tornando alla sua battuta iniziale, un putiferio di risate e applausi in studio, mentre Porro cerca di schermirsi. Berlusconi, però, è carico ed è intenzionato a portare fino in fondo l’aneddoto. Le sue parole sono finite da subito sui social, creando così dibattito continuo e animato, messaggi arrivati addirittura durante la diretta della stessa trasmissione. Questi solo alcuni dei messaggi social in risposta al Cavaliere di Arcore: “stima totale per gli anziani che rubano le erbe di #viagra a casa di #berlusconi”. Poi: “Nella mia villa cresce l’erba del #Viagra“.
È comunque più credibile di quando dice di voler contrastare l’evasione fiscale”. E ancora: “Hanno fregato piante di Viagra dal mio parco”. La battuta di Silvio Berlusconi insomma, è destinata a entrare di diritto nel campionario delle perle elettorali del leader di Forza Italia. Oggi, come sempre del resto, l’ex premier utilizza l’arma dell’ironia e del racconto comico per cercare di aumentare i propri consensi.

GVR