Home Politica Boldrini contro Berlusconi: “Sulle molestie non ci si può ridere sopra”

Boldrini contro Berlusconi: “Sulle molestie non ci si può ridere sopra”

CONDIVIDI

boldriniIn questi giorni si è tornato a parlare del tema delle molestie nel mondo dello spettacolo, ma ben presto la discussione è entrata nel (corto) circuito politico italiano e ha preso altri contorni. La prima a riaprire il tema era stata l’attrice francese Catherine Deneuve: “Lo stupro è un reato. Ma tentare di sedurre qualcuno, anche in maniera insistente o maldestra, non è un reato, né la galanteria è un’aggressione del maschio. Questa giustizia sbrigativa ha già fatto le sue vittime, uomini puniti nell’esercizio del loro lavoro, costretti a dimettersi, avendo avuto come unico torto quello di aver toccato un ginocchio, tentato di strappare un bacio, o aver parlato di cose intime in una cena di lavoro, o aver inviato messaggi a connotazione sessuale a una donna che non era egualmente attirata sessualmente. Difendiamo la libertà degli uomini di importunarci”.

Ieri Berlusconi, presente a Porta a Porta, aveva applaudito a queste frasi aggiungendo: “Quelle della Deneuve sono parole sacrosante. Ogni femmina ama essere corteggiata, nel mio caso sono le altre a dichiararsi. Ma comunque mi sembra una cosa bella essere galanti, purché non se ne oltrepassino i limiti”.

La Boldrini, che già aveva criticato aspramente e direttamente la Deneuve, oggi critica anche il Cavaliere: “Non si può buttarla a tarallucci e vino facendo finta che sono cose su cui ci si può ridere sopra. La questione molestie non la si sdogana come ha fatto Berlusconi. Il corteggiamento è gradito quando è corrisposto, ma qui parliamo di molestie e vuol dire che tu non lavori se non mi concedi quello che voglio. Mischiare le due cose è una mistificazione, un problema serio. Questo non è accettabile e non è rispettoso”.