Home Opinioni Roma, bambina salvata da due poliziotti dopo un attacco epilettico

Roma, bambina salvata da due poliziotti dopo un attacco epilettico

CONDIVIDI

attaccoUna bambina è stata salvata in autostrada mentre si trovava in viaggio con i suoi genitori. La piccola ha subito un improvviso attacco epilettico mentre si trovava sul tratto dell’Autostrada A12 Roma-Civitavecchia. Ha 9 anni e deve ringraziare i poliziotti Alessandro Bramucci e Francesco Donadio, i quali hanno preso in consegno la bimba sulla piazzola di sosta dove la mamma ed il papà si erano fermati allertando i soccorsi. Il colorito della bambina tendeva sempre più verso il violaceo, la lingua stava rischiando di soffocarla e la respirazione diventava sempre più faticosa.

Bambina salvata, l’intervento dei due agenti è stato provvidenziale

I due agenti della PolStrada in servizio a Cerveteri sono intervenuti durante un normale pattugliamento sull’autostrada. Subito hanno praticato alla bambina le normali manovre salvavita che vengono insegnate durante l’addestramento. E questa azione è stata decisiva nel salvarle la vita. Ci ha pensato una eliambulanza poi a condurla al Policlinico Gemelli di Roma dall’ospedale ‘San Paolo’ di Civitavecchia dove era stata portata inizialmente da una ambulanza. Il comandante dei due agenti ha fatto sapere che richiederà per loro un encomio speciale, in quanto non è una cosa che capita tutti i giorni salvare una vita così giovane. Nei giorni scorsi era stato un bambino di 6 anni a salvare la madre dopo un incidente.

S.L.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org