Home Spettacolo e Gossip Il silenzio di Brignano: “Non mi va di commentare, sono tranquillo”

Il silenzio di Brignano: “Non mi va di commentare, sono tranquillo”

CONDIVIDI
(Websource/archivio)

“L’anno scorso sono stata picchiata da un attore durante le riprese del film di Brizzi “Poveri ma Ricchi” e ho taciuto per per paura. Mi hanno convinta a non denunciare e me ne sono pentita. Il mio orecchio è danneggiato per sempre”. Poi continua raccontando il fatto incriminato come è avvenuto: “Una volta entrata in scena ho detto la mia battuta. Si è sovrapposta a quella di un attore che, senza dire nulla, mi ha strattonata e picchiata. Mi si è lacerato il menisco dell’orecchio”. Queste le scioccanti dichiarazioni fatte da Anna Mazzamauro al Messaggero e rese note anche da Dagospia. Proprio così, ad un anno di distanza dal fatto incriminato la donna non è più riuscita a tenersi dentro tanto malessere e il web si è scatenato alla ricerca dell’aggressore.A creare dubbi maggiori sul responsabile ci ha pensato il blogger Giulio Pasqui, noto esperto di tv, che sul proprio profilo Twitter ha invitato i conduttori di Deejay Chiama Italia, trasmissione di Radio Deejay, a chiedere qualcosa su Anna Mazzamauro al loro prossimo ospite in diretta, ovvero Enrico Brignano. Proprio così, senza mezzi termini ha voluto gettare ombre sul comico romano tanto che, nel pomeriggio Pasqui avrebbe trovato prima e linkato poi, un’intervista della Mazzamauro al sito gay.it, poi ripresa anche da Dagospia, in cui la storica “signorina Silvani”, avrebbe parlato bene del protagonista della pellicola Christian De Sica, rifiutandosi però di parlare proprio dell’Enrico nazionale: “Di Enrico non vorrei parlare, se non ti dispiace”. Questa la frase incriminata.

In tutto ciò, come si comporta il buon Brignano? Qual’è stata la sua reazione? A solo un giorno dal debutto in teatro con lo spettacolo “Enricomincio da me”, l’attore e comico ha voluto prendere le rigorose distanze da tutte queste dicerie mediatiche: “Mi dispiace, vi ringrazio ma non faccio interviste. Dagospia? Sì, l’ho visto. E non mi va di commentare, sono in piena prova, ho il debutto dello spettacolo. Sono tranquillo. È un momento molto felice della mia vita, lo voglio mantenere tale. Perciò non mi va assolutamente di parlare”. Che sia solo il suo imminente debutto a teatro, che sia paura o strategia comunicativa, di sicuro la faccenda avrà altri strascichi nel tempo e prima o poi, in un modo o nell’altro, il colpevole sarà smascherato.

GVR