Home Opinioni La giornalista Mediaset: “Grazie a Dio sono guarita dall’omosessualità”

La giornalista Mediaset: “Grazie a Dio sono guarita dall’omosessualità”

CONDIVIDI

Parole che sorprendono e del tutto inaspettate quelle che Nausicaa Della Valle, inviata del programma Mediaset Quinta Colonna, ha pronunciato durante un’intervista rilasciata ai microfoni di  TCI Televisione Cristiana in Italia.

Intervistata dal telepredicatore  Chuck Hall la giornalista ha confessato il suo percorso compiuto grazie alla fede: “Il Signore mi ha liberato dalla mia omosessualità. Una mattina ero a casa e ho detto al Signore che volevo studiare la parola e lui mi parlò con voce udibile e mi disse che lui era maschio e femmina e che aveva creato l’uomo e la donna e che quindi tutto ciò che era al di fuori della sua creazione è un inganno della menzogna, Satana. Poi mi mise davanti, segnatevelo, il Levitico 18-22, Levitico 20-13. Poi mi mise davanti Romani 1 dal 4 alla fine del capitolo, e poi Primi Corinzi 6, 9, 10 e 11. E io lì lessi che Dio aveva abbandonato a passioni infami uomini con uomini e donne con donne, li aveva abbandonati al loro traviamento. L’omosessualità è un abominio agli occhi di Dio. E purtroppo si parla troppo poco nelle chiese di come sia un abominio. Il Signore mi ha parlato e mi ha liberato all’istante”.

La giornalista ha spiegato di essere ex-omosessuale, ex-bulimica, ex-anoressica ed ex-allergica e di aver cambiato vita tre anni fa quando si convertì al Cristianesimo.

Qui potete trovare il video integrale della sua intervista.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: fact@leggilo.org

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: contro@leggilo.org