Home Spettacolo e Gossip «I Fatti Vostri», l’ospite urla in diretta e Magalli tronca l’intervista

«I Fatti Vostri», l’ospite urla in diretta e Magalli tronca l’intervista

CONDIVIDI

magalliQualche giorno fa un’intervista fatta nella trasmissione I fatti vostri è degenerata e nello studio ci sono state urla decisamente fuori luogo. Si parlava di una storia molto bella, la donazione di un cuore a un giovane paziente. In studio era presente il padre che dopo aver raccontato l’accaduto si è lanciato in un’invettiva furente contro il sistema sanitario italiano. L’uomo, evidentemente fuori controllo, ha iniziato ad urlare e Magalli lo ha troncato dando la linea al meteorologo presente in studio per le previsioni del tempo. L’ospite però, tutt’altro che domo, ha alzato ancora di più la voce e le sue grida si sono sentite distintamente anche durante il collegamento col meteorologo visibilmente in imbarazzo in quel momento.

Tutto poi è improvvisamente precipitato quando l’uomo ha infatti deciso di lanciarsi in una filippica contro la politica e la sanità nazionale e regionale: “Siamo stanchi di chi ha tre o quattro stipendi! Siamo stanchi dei direttori sanitari nominati dalla politica, di primari che chiedono soldi per un intervento immediato nella clinica privata a fronte di anni di attesa” con toni sempre più accesi, battendo il palmo sul tavolino del caffè di Piazza Italia e infervorandosi come se fosse davanti a un giudice.

Un perplesso Magalli ha cercato, sia pur cortesemente, di fargli presente che il suo sfogo, per quanto comprensibile, era comunque legato ad una storia d’eccellenza: “Lei in fondo è stata una vittima di ‘buona sanità‘” gli dice Magalli nel tentativo di arrivare a una chiusura ‘pacifica’.
Le urla però sono continuate, lo sfogo ha assunto i toni dell’invettiva politica contro il Governatore della Campania Vincenzo De Luca, accusato di non aver fatto nulla per ripristinare i trapianti pediatrici. A questo punto la situazione, e il tempo ormai concluso, hanno spinto Magalli a troncare l’intervista.

Ecco il video: