Home Politica Berlusconi: “Se nessuno vince alle politiche, vada avanti Gentiloni”

Berlusconi: “Se nessuno vince alle politiche, vada avanti Gentiloni”

CONDIVIDI

Qualora dopo il voto non ci fosse una maggioranza certa, la soluzione più corretta sarebbe quella di “continuare con questo governo”. Lo dice Silvio Berlusconi, chiarendo: “Lo prevede la Costituzione, nessuna indicazione politica”. Inoltre, si dovrebbe “consentire un’altra campagna elettorale non brevissima, di almeno tre mesi, che possa permettere ai partiti di far conoscere agli elettori i loro programmi”.

Il leader di Forza Italia ha poi rilasciato una nota: “Leggo interpretazioni fantasiose su una mia affermazione. Ho detto una cosa assolutamente ovvia: io sono sicuro che nella prossima legislatura ci sarà una maggioranza di centro destra che esprimerà un governo. Ho aggiunto che se però – per ipotesi teorica questa maggioranza non ci fosse, e quindi un nuovo Governo non si potesse formare, si dovrebbe tornare a votare dopo tre mesi. In questo caso, rimarrebbe evidentemente in carica Gentiloni. Lo prevede la Costituzione, non è un’indicazione politica, né tanto meno un auspicio. Mi dispiace che politici che dovrebbero essere esperti non conoscano il funzionamento delle Istituzioni”.

Silvio Berlusconi, che è entrato in contrasto con la Lega Nord perché Forza Italia ha votato contro l’iter veloce per la legge Molteni sui reati gravissimi, dice poi di essere contrario all’ipotesi di grossa coalizione sul modello tedesco: “La situazione in Italia è diversa, la sinistra è ancora troppo di sinistra per poter avere un rapporto di collaborazione con la destra democratica, escludo la possibilità di una grande coalizione con il Pd e non penso che ci sia alcuna possibilità di una non vittoria del centrodestra”.

Quindi ha parlato proprio delle presunte beghe con il Carroccio sulla legge Molteni: “Non commento, voglio incontrarmi con Salvini e con lui parlare di queste cose. Non ho mai ragionato su questi temi, sono decisioni prese dai gruppi parlamentari. Voi sopravvalutate i capricci di Salvini. Non ho dubbi della possibilità di poter governare in modo serio e portare a termine la realizzazione del programma con l’accordo del segretario della Lega, della Meloni e della cosiddetta ‘quarta’ gamba”. In precedenza, Salvini aveva affermato di voler sospendere “qualsiasi tavolo e incontro con Silvio Berlusconi finché non avremo spiegazioni ufficiali sul voto contrario di Fi all’iter veloce per la legge Molteni che cancella lo sconto di pena per i reati gravissimi”.

GM