Home Politica Estera Accusato di crimini di guerra, generale suicida davanti ai giudici – VIDEO

Accusato di crimini di guerra, generale suicida davanti ai giudici – VIDEO

CONDIVIDI
Praljak
(screenshot video)

Generale suicida. Un ex signore della guerra croato bosniaco è morto oggi in ospedale dopo aver bevuto veleno dopo che il suo appello contro una condanna a 20 anni è stato respinto. Lo ha confermato il primo ministro croato. Slobodan Praljak ha bevuto da una piccola bottiglia e urlato “Io non sono un criminale di guerra!” durante il verdetto dell’Aia per il suo coinvolgimento in una campagna per cacciare i musulmani dalla Bosnia negli anni ’90. Il 72enne è stato condannato per il suo ruolo nel creare uno stato croato etnicamente puro durante la guerra bosniaca negli anni ’90, che è scaturita dalla disgregazione della Jugoslavia. In quella guerra morirono 100mila persone e ci furono oltre due milioni di sfollati.

Il primo ministro croato Andrej Plenkovic ha dichiarato in una conferenza stampa che l’azione di Praljak riflette la “profonda ingiustizia morale” e “purtroppo tutti abbiamo assistito al suo atto con cui si è tolto la vita”. Il generale croato ha detto in tribunale: “Ho preso del veleno, non sono un criminale di guerra, mi oppongo a questa convinzione”. Il giudice presiedente Carmel Agius è stato costretto a sospendere l’udienza con i servizi di emergenza entrati in aula. Praljak era uno dei sei ex leader politici e militari croati bosniaci che avevano fatto appello contro le loro condanne nel 2013 per i crimini di Mostar. Portato in codice rosso in ospedale, è morto un’ora dopo il ricovero.

GUARDA VIDEO

GM