Home Persone
ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:10
CONDIVIDI
marsupio
(Websource/archivio)

Un bambino di soli due mesi è morto poche ore fa nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Papa Giovanni di Bergamo. Il piccolo era stato ricoverato d’urgenza e in gravissime condizioni due giorni fa. In base a quanto ricostruito dai medici e dalle forze dell’ordine che si sono occupate del caso il bimbo, figlio di una coppia di senegalesi, si trovava nel marsupio trasportato dalla mamma sulle proprie spalle. Alcune fonti giornalistiche, come Il Corriere della Sera, parlano di un marsupio artigianale, ma al momento non è chiaro se questo dettaglio possa avere avuto qualche ruolo nel dramma avvenuto.

Sta di fatto che il piccolo ha avuto un rigurgito abbondante di cibo mentre la madre stava facendo la fila per ritirare alcuni pannolini nel Centro Aiuto alla Vita di Bergamo. Un’altra signora che era anche lei in fila si è resa conto che qualcosa non andava e ha attirato l’attenzione della donna. Il bambino sostanzialmente non riusciva più a respirare soffocato dal suo stesso rigurgito.

Subito soccorso è stato trasportato immediatamente al Pronto Soccorso dove, come dicevamo, è giunto già in gravissime condizioni. Il piccolo ha tenuto duro per due giorni, ma in queste 48 ore i medici non sono riusciti a far nulla per salvarlo e migliorarne le condizioni e così questa mattina il suo cuore ha smesso di battere per sempre. Sulla vicenda è in corso un’inchiesta per capire se ci sia stata una qualche forma di negligenza da parte della mamma del piccolo. L’ipotesi più plausibile è però che si sia trattato di una drammatica fatalità.

F.B.

Fonti: Il Corriere della Sera

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]