Luigi Di Maio al bivio dopo essere rimasto fuori dal Parlamento: un lavoro, prendersi la laurea o il Grande Fratello

Fonti ed evidenze: TgCom24, Messaggero

La discesa di Luigi Di Maio è stata rapida. Da sedere alla Farnesina a restare fuori dal Parlamento è stato un attimo. E ora l’ex pentastellato è scomparso anche dai social.

Da qualche ora su Facebook è scomparso il profilo ufficiale di Luigi Di Maio. In tanti, dopo la “Caporetto” delle ultime elezioni, si stanno chiedendo cosa farà ora l’ex Ministro degli Esteri.

ANSA/FABIO FRUSTACI

Il gruppo Insieme per il Futuro, poi presentato alle elezioni come Impegno Civico, ha raggiunto appena lo 0,6%. Dopo anni in Parlamento, Luigi Di Maio si trova, d’un tratto, tagliato fuori. Che cosa farà adesso? Dal 23 settembre, l’ex grillino si è eclissato: non twitta, non posta foto su Instagram e il profilo Facebook da 2,4 milioni di follower è addirittura scomparso. Dalle sue parole all’indomani dei risultati elettorali, tutto farebbe pensare che Luigi Di Maio sia fermamente intenzionato a proseguire nell’ambito della politica e a conquistare tutti quegli italiani che – a suo dire – non hanno ritenuto abbastanza maturo il suo nuovo progetto. Nel frattempo, secondo voci di corridoio, potrebbe puntare ad un seggio a Strasburgo, utile a stringere alleanze internazionali. Non è da escludere nemmeno che l’ex leader dei Cinque Stelle si aggreghi a qualche altro partito: magari al Partito Democratico di Enrico Letta che fino a qualche primavera fa Di Maio definiva “il partito di Bibbiano”.

Se Di Maio dovesse invece decidere di lasciare, almeno temporaneamente, la politica, la prima opzione sarebbe tornare a svolgere il suo precedente mestiere. Prima di sedere in Parlamento, il 36enne era webmaster e giornalista pubblicista per diversi siti di informazione. Ma potebbe anche decidere di darsi alla formazione e tenere corsi e seminari nelle Università per istruire altri giovani aspiranti politici. Tuttavia si creerebbe un paradosso: Di Maio terrebbe corsi universitari senza essere lui per primo laureato. A tal proposito, usbito dopo le elezioni, l’ex compagno di partito Alessandro Di Battista – attualmente collaboratore de Il Fatto Quotidiano . gli ha suggerito di stare lontano il più possibile dalla politica e prendersi una laurea. Infine qualcuno ha addirittura suggerito l’idea che, presto, potremmo vedere l’ex Ministro degli Esteri nella casa del Grande Fratello.