Attenzione: richiamo alimentare di largo utilizzo

0
43

Attenzione, richiamo alimentare di largo utilizzo: stando alle ultime notizie questo alimento è stato tolto dai supermercati.

Dopo la grande pandemia scattata a causa del COVID-19, abbiamo capito ancora di più quanto i virus possono essere pericolosi, così come anche i batteri. Per questo, esistono fortunatamente dei controlli sui vari alimenti, per impedire che i consumati vengano contagiati e stiano male.

attenzione richiamo alimentare
Un richiamo alimentare direttamente dal Ministero della Salute (Foto: Pixabay).

Stando a un ultima nota del Ministero della Salute, ci sarebbe un controllo in corso su un determinato alimento per un rischio Listeria, con un lotto che sarebbe stato ritirato dal mercato; ecco di cosa si tratta.

Attenzione, richiamo alimentare di largo utilizzo: i controlli su questo alimento

Stando alla nota pubblicata dal Ministero della Salute, è stato fatto un richiamo per l’insalata russa di marca Bontà gastronomiche, venduta in confezione da 250 gr, per il rischio della presenza del batterio Listeria monoctyogenes.

Il lotto di produzione è identificato con il codice PA200522, con la scadenza del prodotto fissata per il prossimo 20 luglio; nel caso qualcuno avesse ancora in casa la suddetta confezione, con questa data di scadenza e questo codice di lotto, è bene non consumarla, ma riportarla direttamente al punto vendita dove la si è acquistata per ottenere un rimborso.

Questo batterio della Listeria è molto resistente ed è in grado di moltiplicarsi, come riporta Virgilio Notizie, anche a basse temperature; inoltre, è in grado di sopravvivere  nelle cucine e  può contaminare gli alimenti sia crudi sia cotti.

attenzione richiamo alimentare
Richiamo alimentare per quest’insalata russa (Foto: Pixabay).

Qualora si contraesse quest’infezione, potrebbero esserci sintomi i lievi e di breve durata a livello gastroenterico, oppure non manifestarsi per nulla. A rischio i soggetti più sensibili, che possono purtroppo sviluppare forme gravi dell’infezione; tra questi le donne incinte, i neonati, gli anziani, le persone immunodepresse e affette da altre patologie (ad esempio il diabete).

Il Ministero della Salute, in linea di massima, per prevenire contaminazioni consiglia sempre di separare i diversi tipi di prodotti in diverse categorie, come ad esempio crudi in fase di preparazione, crudi pronti per il consumo e cotti pronti per il consumo.