Bonus maternità Comuni 2022: a chi spetta e come richiederlo

0
9

Ecco a chi è destinato il Bonus maternità Comuni 2022. Scopriamo nel dettaglio come ottenere il sostegno economico di 344 euro al mese.

Quest’anno il Governo ha deciso di stanziare diverse agevolazioni, infatti, oltre al Bonus Carburante e al Bonus di 200 euro per tutti i dipendenti, è stato confermato anche l’assegno di maternità dei Comuni. Questo viene erogato direttamente dall’Inps, ma scopriamo a chi spetta e come richiederlo.

Bonus Maternità
Bonus maternità Comuni 2022: come ottenere il sostegno economico di 344 euro al mese

Nelle ultime ore è stato confermato il sostegno economico da parte dei comuni, questo è riservato a tutte le donne che hanno avuto di recente un bambino o ne hanno adottato uno. Ovviamente per poterne beneficiare è necessario rientrare in una determinata fascia di reddito.

L’INPS ha confermato che l’assegno verrà concesso nei casi anche di affidamento e adozione, sia alle donne italiane che non, in possesso di titolo di soggiorno. Anche in questo caso ci sono determinati requisiti da rispettare per poterlo ottenere.

Scopriamo chi può usufruirne e come fare richiesta.

Bonus Maternità: ecco come richiederlo e a chi spetta

Come confermato dall’INPS, l’assegno di maternità dei Comuni può essere concesso in caso di parto, adozione e affidamento. Ovviamente, bisogna essere in possesso di determinati requisiti, infatti le neo mamme non dovranno avere nessuna copertura previdenziale o in alcuni casi deve rientrare in un determinato importo fissato.

Inoltre, è necessario non essere in possesso di altri assegni di maternità, ricordiamo che l’agevolazione durerà per 5 mesi e per quanto riguarda l’importo si parla di una cifra compresa tra i 348 ai 354 euro.

Potranno ottenere il bonus soltanto le donne che hanno un ISEE inferiore ai 17.747 euro.

Bonus Maternità
Bonus Maternità: ecco come richiederlo

Le neo mamme che possono fare richiesta sono:

  • cittadine residenti in Italia
  • cittadine comunitarie
  • cittadine extra-Ue in possesso di carta di soggiorno 

Ovviamente, per richiedere l’assegno bisogna essere residenti in territorio italiano nel momento del parto. Per fare richiesta bisogna presentare la domanda nel comune di residenza, il quale verificherà i requisiti per la concessione dell’assegno. Il tutto verrò erogato a partire entro i sei mesi dalla nascita del bambino.

Nella presentazione della domanda sarà necessario allegare anche il documento di identità della mamma, il codice fiscale, il permesso di soggiorno, l’autocertificazione in cui si dichiara di essere in possesso dei requisiti richiesti e infine attestazione ISEE 2022.

Ora non vi resta che fare domanda per ottenere l’agevolazione. Voi cosa ne pensate?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui