Caffè: sai che ha delle controindicazioni importanti? Eccole

0
66

Pochi sanno rinunciare al gusto del caffè. Rimane tuttavia una bevanda energizzante e come tale non bisogna assolutamente abusarne.

Il caffè è sicuramente una delle bevande più amate e consumate a livello globale. Si tratta di un alimento energizzante che permette di alzare la pressione e stimolare i processi cognitivi dopo le otto ore di sonno. Per questo motivo, in molti non riescono ad iniziare la giornata senza essersi gustati una tazza di caffè.

Caffè al cioccolato: con la moka viene uno spettacolo!
Caffè al cioccolato: con la moka viene uno spettacolo! (pixabay)

Che lo si consumi espresso, oppure come cappuccino, moccaccino o latte macchiato – il caffè risulta estremamente utile per affrontare le varie commissioni previste per la giornata. Eppure, anch’esso presenta i suoi effetti collaterali.

La dose giornaliera consigliata infatti corrisponde ad un massimo di tre tazzine al giorno. Superare tale quantitativo potrebbe rappresentare un pericolo per il sistema cardiovascolare ed anche per la nostra stessa salute psicofisica. Approfondiamo meglio l’argomento nel prossimo paragrafo.

Caffè: tutti gli effetti collaterali

Gli effetti benefici del caffè sono molteplici, tuttavia un abuso può comportare una serie di effetti collaterali. Occorre infatti sottolineare che questa bevanda influenza il sistema nervoso e soprattutto la circolazione sanguigna. Essendo una bevanda energizzante è assolutamente sconsigliata per i soggetti cardiopatici o affetti da pressione alta e tachicardia.

Inoltre, a lungo andare, il caffè può anche influenzare negativamente l’apparato gastrointestinale, provocando acidità di stomaco e cattiva digestione. Come se non bastasse, assumerlo dopo le 17.00 può provocare un’alterazione del ritmo-sonno sveglia, determinando inevitabilmente stati di insonnia e sonno agitato.

Caffè (Pexels)
Caffè (Pexels)

Per concludere, il caffè può avere effetti collaterali anche sul nostro umore. E’ scientificamente provato infatti che – se assunta in dosi eccessive – la caffeina può indurre il soggetto ad uno stato di depressione e angoscia. Per questo motivo, e per tutte le ragioni elencate precedentemente, risulta estremamente importante controllare il consumo giornaliero.

Nelle stagioni calde ad esempio sarebbe meglio gustare massimo una o due tazzine al giorno, proprio perché il caldo stesso contribuisce all’insorgenza di tachicardia e spossatezza. Per ulteriori chiarimenti, consigliamo di chiedere un consulto al vostro medico di base. Egli infatti conosce il vostro stato di salute e saprà indirizzarvi correttamente circa il consumo del caffè e delle bevande correlate.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui