Casa: non serve per forza il mutuo, ecco come puoi fare in alcuni casi

0
70

Sempre meno persone hanno la possibilità di aprire un mutuo: ecco come fare per acquistare una casa facilmente.

Casa senza mutuo: ecco come fare (Pixabay)
Casa senza mutuo: ecco come fare (Pixabay)

E’ possibile acquistare una casa al costo di 1 euro? Ebbene sì, moltissimi comuni italiani hanno aderito all’iniziativa con l’obiettivo di ripopolare i piccoli borghi e svolgere una ristrutturazione edilizia delle abitazioni particolarmente danneggiate. Di conseguenza, se volete acquistare una casa – in modo da avere un’abitazione di vostra proprietà – ma non vi sentite di aprire un mutuo, tale iniziativa può fare al caso vostro. Ricordatevi però che niente al mondo ci viene regalato, ci teniamo infatti a sottolineare alcuni aspetti di questa iniziativa. L’euro che dovrete consegnare infatti è relativo esclusivamente all’acquisto dell’immobile. Vediamo insieme i dettagli.

Acquistare una casa ad 1 euro è possibile? Scopriamolo

Cosa intendiamo con “l’euro è relativo esclusivamente all’acquisto dell’immobile”? Precisiamo alcuni punti. Come abbiamo sottolineato in precedenza, questa iniziativa ha lo scopo di ristrutturare vecchie abitazioni e ripopolare i piccoli borghi. A fronte di questo, i Comuni hanno deciso di vendere gli immobili al costo di 1 euro, con la condizione che il nuovo proprietario si occupi della ristrutturazione a sue spese. Di conseguenza, occorre comunque riflettere prima di buttarsi in questa iniziativa, anche perché la ristrutturazione va fatta entro un dato periodo di tempo.

Da dove nasce l’idea? Sostanzialmente, moltissimi borghi italiani si trovano in uno stato di decadenza e per rimediare a tali danneggiamenti servirebbe una cifra decisamente sostanziosa. I vari Comuni – per risparmiare – hanno così pensato di regalare l’immobile ad un euro, in modo che sia il proprietario stesso a pensare alla ristrutturazione. Ovviamente, una ristrutturazione viene a costare meno di un mutuo e – di conseguenza – moltissime persone hanno aderito all’iniziativa. Fondamentalmente, “abbiamo preso due piccioni con una fava”.

Tra i comuni coinvolti, possiamo citare ad esempio Leonforte, in provincia di Enna (Sicilia) – comune molto carino che gode di diverse ricchezze turistiche come Palazzo Branciforti, la Villa Comunale, Palazzo Giusso, ma anche scuderie, giardini e la famosa fontana delle ninfee. Perché quindi non approfittare?

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui