La Rai ha deciso di querelare Fedez. La notizia è stata ufficializzata dal cantante stesso tramite i suoi canali social. “Apriamo le danze, lo rifarei mille volte”. Ma adesso cosa rischia?

 

Leggi anche–> Fedez, la Rai vuole vendicarsi per il Primo Maggio ed è pronta alla querela

Attraverso un comunicato “La Rai ha conferito mandato ai propri legali di procedere in sede penale nei confronti di Federico Leonardo Lucia, in arte ‘Fedez’, in relazione all’illecita diffusione dei contenuti dell’audio e alla diffamazione aggravata in danno della società e di una sua dipendente avvenuti in occasione del concerto del Primo Maggio“. Lo ha dichiarato in via ufficiale Massimiliano Capitanio, deputato della Lega e capogruppo in Vigilanza Rai. “Si tratta di un atto dovuto e doveroso perché su temi fondanti della nostra democrazia, come la libertà di espressione e il rispetto della persona, non è possibile scherzare né tantomeno organizzare show per un pugno di like“. La Rai contesta non solo la diffusone dell’audio ma anche la manipolazione del contenuto, attraverso dei tagli, allo scopo gettare il maggior discredito possibile sull’emittente di Stato. Fedez, da parte sua, sostiene che l’audio in versione integrale fosse ancora peggio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

La risposta di Fedez

Fedez dopo aver appreso della denuncia da parte della Rai, ha subito avvisato il suo pubblico comunicando tramite delle Instagram Stories l’accaduto. “Sono orgogliosissimo, lo rifarei mille volte. Sapevo che mi sarei dovuto assumere le responsabilità di ciò che ho detto e ho fatto e quindi affronto le conseguenze“, poi continua “Ma bisognerebbe ricordare come si è comportata la tv di Stato in questa faccenda“. Fedez ha nuovamente attaccato la Rai e anche la stampa dicendo: “Sapete dov’è la differenza tra me e voi, amici della Rai? È che io la telefonata l’ho pubblicata mettendoci la faccia e pagando le conseguenze, voi, che mi avete registrato a vostra volta, dirigenti della tv di Stato, l’avete data ai giornalisti che devono coprire le loro fonti, a volto scoperto. Ovviamente questo non è un illecito giuridico, però vi siete parati il c**o, e questa è vigliaccheria di Stato.Avete scatenato la stampa a vostro favore e non ho pubblicato nemmeno tutto quello che ho in mano“. Dopo essersi sfogato sui social e aver dichiarato di essere pronto a tutto, poi Fedez ha scherzato con Chiara riguardo la sua difesa in tribunale.

Ma cosa rischia realmente Fedez?

La Rai infatti ha deciso di querelare Fedez non per aver pubblicato la telefonata bensì per il reato di danno d’immagine che rientra nella diffamazione. La Legge, nell’articolo 595 del Codice Penale, sancisce una pena fino ai tre anni di reclusione o il pagamento di una multa non inferiore ai 516 euro in caso di offesa recato a mezzo stampa o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità. Ma Fedez si dice pronto ad affrontare tutto l’iter giuridico per difendersi dalle accuse in questione. In molti inoltre sul web hanno fatto notare come Fedez avesse tutto il diritto di esprimersi anche se le sue parole, a detta della Rai, hanno leso l’immagine della televisione di Stato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui