“Ringraziamo Santo Covid perchè ci sta dando un’opportunità incredibile”

0
155
Fonti ed evidenze: Fanpage, SkyTg24

La frase è stata subito smentita, ma sarà difficile far passare che è stata un semplice malinteso.

santo covid
Marco Di Lauro/Getty Images/Archivio

Maurizio Manna, presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Benevento e segretario di Federfarma Campania, nel corso di un incontro online tenutosi il 9 aprile con la partecipazione di farmacisti delle province campane, avrebbe parlato della pandemia di Coronavirus in termini inaccettabili: “Dobbiamo ringraziare Santo Covid perché effettivamente ci sta dando un’opportunità incredibile“, avrebbe affermato Manna secondo quanto denunciato da Vincenzo Santagada, presidente dell’Ordine di Napoli.

All’incontro, Manna partecipava anche nelle vesti di delegato regionale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Farmacisti Italiani – che la scorsa settimana lo ha eletto membro del Comitato Centrale. Dopo la conferenza online, Santagada ha segnalato le parole del collega inviando una lettera di protesta formale al presidente nazionale del Fofi Andrea Mandelli – chiedendo che vengano presi provvedimenti disciplinari nei confronti di Manna e di un altro collega.

La vicenda, però, rimane da chiarire: dal canto suo, Manna nega di aver pronunciato la tanto contestata frase: “Si tratta di una mistificazione. Difenderò la mia onorabilità“, assicura. Quel che è certo è che le polemiche all’interno della categoria sono divampate: i farmacisti, d’altra parte, sono sin dall’inizio della pandemia in prima linea nella lotta al Covid e nell’assistenza ai cittadini. Ed è stato alto il prezzo – anche in termini di vite umane – pagato dalla categoria, colpita da numerosi casi di morti per Covid.

Anche da qui nasce lo sdegno del presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Napoli Vincenzo Santagada, che – raggiunto dal sito Fanpage – ha confermato la propria versione dei fatti: “Nel corso della discussione il presidente presidente dell’Ordine di Avellino Ettore Novellino soffermandosi sulla contingenza pandemica avrebbe invocato ‘un altare al virus Covid’“, aggiungendo che la categoria dei farmacisti dovrebbe ringraziare “Santo Covid se in questo momento veniamo presi in considerazione perché Arcuri… non ci aveva proprio considerato“.

A quel punto – sempre secondo la versione di Santagada – sarebbe intervenuto Manna, aggiungendo che “dobbiamo ringraziare Santo Covid perché effettivamente ci sta dando una opportunità incredibile“. Parole che secondo il Presidente dell’Ordine del Capoluogo campano sono “offensive della memoria di circa 120.000 morti registrati sino ad oggi – tra i quali tanti Colleghi caduti nell’adempimento del loro dovere e giustamente ricordati sulla Home page del sito istituzionale della FOFI“. Santagada spiega di aver perso il cognato, a causa del virus: scomparso “senza una carezza dei figli o della moglie. Se n’è andato a scatola chiusa e come lui altre 120mila persone. Per questo ho deciso di denunciare questa cosa“.

La replica di Maurizio Manna, però, non si è fatta attendere: “È evidente che dovrò tutelare la mia onorabilità rispetto a una attività di mistificazione di quanto è stato detto e riferito. Io sono dirigente responsabile della categoria e sono estremamente contrariato per la pessima pubblicità che il dottor Santagada fa alla categoria“, ha spiegato il rappresentante del Fofi.

Anche l’altro rappresentante chiamato in causa da Santagada – il presidente dell’Ordine di Avellino Ettore Novellino – si smarca dalle accuse piovutegli addosso: “Si tratta di parole decontestualizzate“, ha spiegato. “Nell’incontro del 9 aprile si stava discutendo in una riunione di soli presidenti di ordine riservata e io ho usato una tipica espressione come per dire ‘dobbiamo ringraziare Sant’Antonio’ se è intervenuto un fatto completamente nuovo e inaspettato, che ha creato una situazione in cui si è potuto mettere in luce il ruolo che le farmacie avrebbero potuto svolgere che era stato negato da Arcuri e che invece Figliuolo e Draghi hanno voluto capire e valorizzare“, assicura Novellino. “Non c’era niente di commerciale, perché in questo periodo le farmacie ci hanno rimesso non ci hanno guadagnato. L’uso delle mascherine ha ridotto le patologie invernali. Santagada avrebbe potuto chiedere spiegazioni sull’interpretazione. Invece, non ha detto nulla e ha scritto quella lettera. Non è corretto“, ha concluso Novellino.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui