Filippo Bubbo è morto mentre riceveva le prime cure

0
879
Fonti ed evidenze: Nazione, Fanpage

Filippo Bubbo, il giovane conducente di un autoarticolato, è morto dopo uno schianto contro un veicolo dello stesso tipo. E’ successo sull’autostrada A4.

Filippo Bubbo 22_1_21 Leggilo.org

Era nato e cresciuto a Catanzaro Filippo Bubbo, 25 anni, impegnato presso la ditta di trasporti in Tir del padre: il giovane purtroppo non è riuscito a salvarsi dal tremendo schianto tra il suo veicolo ed un secondo autoarticolato avvenuto nella giornata di ieri e va ad aggiungersi alla lista in costante aumento di vittime per incidenti stradali. L’incidente, avvenuto tra San Sistino e Portogruaro sulla nota autostrada A4 è stato violentissimo: il mezzo pesante con cui Filippo Bubbo stava lavorando si è schiantato frontalmente contro un veicolo analogo, proveniente dalla direzione opposta. I soccorritori del 118 sono subito sopraggiunti sul posto ma la situazione è apparsa subito complicata: il giovane sarebbe rimasto incastrato nella cabina di guida del mezzo a causa dello schianto e solo l’arrivo dei Vigili del Fuoco con le attrezzature adeguate è riuscito ad estrarlo dal mezzo così da poterlo trasferire in ospedale con l’elicottero, con la massima urgenza.

Il ragazzo è spirato mentre riceveva le prime cure. La violenza dell’impatto ha portato le Forze dell’Ordine a chiudere il tratto dell’autostrada cercando di rimuovere i detriti dei due automezzi. Proprio per questo motivo, le indagini sulla dinamica del sinistro sono ancora in corso e richiederanno molto tempo: un incidente quasi identico era avvenuto in settimana, coinvolgendo una famiglia che viaggiava in auto nei dintorni di Caserta. C’è grande sgomento e dolore tra chi conosceva Filippo, descritto come un ragazzo operoso ma allo stesso tempo divertente e gioviale: “Filippo era il fiore all’occhiello della famiglia: era buono e generoso”, con queste parole suo padre, titolare della ditta presso cui il 25enne lavorava ormai da anni, lo ha voluto ricordare. Anche i suoi amici hanno voluto tenere vivo il suo ricordo pronunciando alcune parole in sua memoria: “Dove sei sparito, perché te ne sei andato senza avvertirci, senza salutarci, non è che ci stai facendo uno scherzo? Lasciatelo dire, questo scherzo non ce lo dovevi fare…”, scrive un amico.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui