Un nuovo allarmante aumento di casi di Covid si è registrato oggi in tutta Italia. E in crescita anche il numero di morti.

I casi di Covid tornano a crescere e in misura allarmante. Come riferisce la Repubblica oggi abbiamo assistito ad una nuova impennata che – stando ai dati forniti dal Ministero della Salute – ci fa leggere un numero di nuovi casi pari a 2548: il numero più alto che si registra dal 24 aprile. Un balzo in avanti così notevole potrebbe essere spiegato anche dal nuovo record di tamponi eseguiti: 118.236, ben 13mila in più solo rispetto a ieri. Ma non cresce solo il numero delle persone contagiate, aumentano anche i deceduti purtroppo. Se nei giorni scorsi si è tanto parlato di positivi asintomatici che stavano bene , i dati di oggi smentiscono, almeno in parte, questa tesi in quanto sono in salita anche i decessi: + 24 rispetto a ieri per un totale di 35.918 dall’inizio della pandemia. In crescita anche i ricoveri: + 50 nei reparti ordinari – per un numero complessivo di 3097 – e + 11 nelle terapie intensive che fanno salire il totale degli assistiti a  291.  A trainare questa situazione allarmante il Veneto di Luca Zaia con  445 nuovi contagi in un solo giorno seguito dalla Campania di Vincenzo De Luca che riporta 390 nuovi casi. Segue la Lombardia di Attilio Fontana con 324 nuovi casi e il Lazio di Nicola Zingaretti che segna + 265. Purtroppo nessuna Regione oggi è a quota zero.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza – riporta SkyTg24 – ha recentemente dichiarato che “vedremo la luce nei primi mesi del 2021, perché allora avremo nuovi strumenti per combattere il Covid”. Il capo del dicastero della Salute si riferiva, specialmente, all’arrivo del tanto atteso vaccino anti Covid. Anche se Speranza ha ribadito l’importanza di continuare ad attuare atteggiamenti responsabili e prudenti come indossare la mascherina ove necessario e rispettare le norme di distanziamento sociale. Al fine di poter agire tempestivamente in caso di nuove ondate di Covid, il Governo sta valutando di prorogare lo Stato di Emergenza fino a gennaio 2021. Anche se prima di prendere qualunque decisione – ha specificato il ministro Speranza – se ne discuterà in Parlamento.

Samanta Airoldi

Fonte: Repubblica, SkyTg24

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui