Home Cronaca Il Coronavirus non è ancora finito: nuovo focolaio nel reparto di oncologia...

Il Coronavirus non è ancora finito: nuovo focolaio nel reparto di oncologia del Niguarda

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:17
CONDIVIDI

Scoperto un nuovo focolaio di Coronavirus nel reparto di oncologia dell’ospedale Niguarda di Milano. Il Coronavirus non è ancora sparito.

coronavirus focolaio niguarda

I dati della Protezione Civile in merito alla situazione di oggi ci informano che il  totale di attualmente positivi è di 32.872, con una decrescita di 1.858 assistiti rispetto a ieri. Nelle ultime ventiquattro ore 79 morti che  portano il totale a 34.043. Si precisa che nel totale odierno sono conteggiati anche 32 decessi riferiti a giorni precedenti  ma comunicati solo oggi dalla Regione Abruzzo. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 168.646, con un incremento di 2.062 persone rispetto a ieri.

I ricoverati scendono a 4.581, – 148 pazienti rispetto a ieri. Nelle terapie intensive si trovano 263 persone,- 20  rispetto a ieri.

Ad oggi, in Italia, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 235.561, + 283 rispetto a ieri.

 

Nuovo mini focolaio al Niguarda

Vedere i numeri dei casi positivi – per settimane in crescita – finalmente diminuire ogni giorno ci dà speranza. Le terapie intensive continuano a svuotarsi, i ricoveri a calare. Se a tutto ciò uniamo le recenti parole del primario del San Raffaele, il professor Alberto Zangrillo che ha dichiarato che il Coronavirus,clinicamente, non esiste più, il quadro è completo: possiamo finalmente tirare i remi in barca. Nulla di più sbagliato. Non è ancora il momento di abbassare la guardia e considerarci in salvo. Infatti – riferisce il Corriere della Sera – è stato scoperto un nuovo mini focolaio di Covid 19 nel reparto di Oncoematologia dell’ospedale Niguarda di Milano. E si tratterebbe di un focolaio recente visto che, solo qualche settimana fa, il personale sanitario era risultato negativo ai test sierologici.

Il contagio sembra essere partito da alcuni specializzandi che poi avrebbero trasmesso l’infezione virale anche ai medici, agli infermieri e agli operatori socio sanitari. Per ora si tratta di un focolaio di dimensioni limitate: 11 i soggetti positivi su 190 sottoposti a tampone. Al momento tutto il personale sanitario è stato messo in quarantena e il reparto sottoposto a sanificazione. I pazienti sono stati spostati in altri reparti. Ora si effettueranno controlli anche sugli ambulatori collegati e sulle persone che hanno recentemente effettuato day ospital in Oncoematologia.

Il governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana sulla gestione dell’emergenza Covid – per la quale la Lombardia è da settimane sotto attacco – ha commentato: “Siamo stati colti di sorpresa da un’emergenza bestiale. Di errori ne abbiamo commessi tanti. Ma a marzo prendere delle decisioni era durissima”. Invece – riferisce SkyTg24 – l’assessore alla Sanità Giulio Gallera ha annunciato che da oggi riprenderanno i ricoveri presso le Rsa. Tuttavia ci saranno regole molto rigide e fitti controlli. Nessun positivo – ha assicurato Gallera –  verrà collocato presso una Rsa.

Fonte: Corriere della Sera, SkyTg24, Protezione Civile

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]