Home Persone Veneto, auto parcheggiata vicino al fiume. Trovato in acqua il corpo di...

Veneto, auto parcheggiata vicino al fiume. Trovato in acqua il corpo di una donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:16
CONDIVIDI

Nella giornata di giovedì la polizia locale ha ritrovato il cadavere di una donna nelle acque del Bacchiglione. Non si esclude l’ipotesi di suicidio.

Mentre diminuiscono i decessi giornalieri legati al Coronavirus, aumentano coloro che perdono la vita per altre ragioni. Dalle vittime economiche che scelgono di farla finita alle vittime della strada. L’ennesima disgrazia si è consumata nel padovano. Erano circa le 14.30 di giovedì 4 giugno – riporta Padova Oggi – quando la polizia locale ha ritrovato il cadavere di una donna che galleggiava nelle acque del Bacchiglione, all’altezza del territorio di Selvazzano. Ad attirare l’attenzione della pattuglia è stata un’automobile parcheggiata sullo sterrato, senza nessuno a bordo. Sul luogo sono subito accorsi i carabinieri di Sarmeola, i vigili del fuoco e il personale sanitario. Ogni tentativo di soccorso è stato inutile: la donna era già deceduta.

La vittima – spiega Il Gazzettino – è una donna di 59 anni, italiana.  Secondo le prime ricostruzioni l’ipotesi più probabile è che si tratti di un suicidio. Infatti – a quanto pare – l’automobile parcheggiata, una Daewoo Matiz, è intestata alla donna che sembrerebbe aver raggiunto quel luogo da sola, guidando autonomamente. La donna viveva da sola in un comune vicino al luogo del ritrovamento. Si sospetta potesse essere affetta da depressione. Tuttavia, per escludere ogni dubbio, l’autorità giudiziaria ha disposto il trasferimento del corpo all’obitorio dell’ospedale di Padova dove la salma sarà sottoposta ad autopsia.

Negli ultimi mesi, purtroppo, i casi di suicidio e tentato suicidio sono aumentati in misura importante. Tra gennaio e maggio sono stati registrati ben 36 tentativi e 42 suicidi. Tra questi ultimi 25 solo nei mesi di lockdown e tra le vittime 14 erano imprenditori che, probabilmente a cagione di ingenti perdite economiche legate al lockdown, hanno preferito farla finita. Non si sa ancora con certezza se anche questo caso sia un suicidio  che possa essere ricondotto a motivi di natura economica o se si tratti di tutt’altro.

Fonte: Padova Oggi, Il Gazzettino