Home Spettacolo Alessandro Gassmann: “Se non vi mettete la mascherina chiamo la Polizia”

Alessandro Gassmann: “Se non vi mettete la mascherina chiamo la Polizia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:55
CONDIVIDI

Se non metti la mascherina chiamo la Polizia. Dopo la rabbia del sindaco di Milano, Beppe Sala, per la folla sui Navigli la questione della sicurezza divide. E c’è qualcuno, come Alessandro Gassmann, chi non ha dubbi da che parte stare. E intanto si moltiplicano le cronache di persone multate perchè ha omesso di indossare il dispositivo di protezione, anche per pochi minuti. 

Alessandro Gassmann mascherina - Leggilo.org

Io se incontro qualcuno senza mascherina, gli dico gentilmente di metterla, se non lo fa glielo ripeto con più determinazione, se si rifiuta chiamo la polizia. Non è un gioco! Ripartiamo ma facciamo tutti il nostro dovere, facciamo le cose bene… Tutti”. Così Alessandro Gassmann sul suo profilo Twitter.

L’attore. ricorda l’Adnkronos, ha twittato una foto della folla sul Naviglio Grande di Milano che tante polemiche ha suscitato nelle ultime ore.

Le regole da rispettare durante la fase due possono sembrare severe ai più e  molti stanno vivendo male il divieto di poter rivedere i propri amici dopo due mesi di permanenza forzata presso il proprio domicilio. E intanto si moltiplicano i casi di cronaca relativi a sanzioni elevate per la mancanza dei dispositivi di sicurezza. Tuttavia le misure di sicurezza attuali vanno rispettate perché. “La vita di molte persone e la possibilità di tornare a lavorare per tante altre dipende da tutti noi”. Queste le dichiarazioni del sindaco di Lucca Alessandro Del Dotto a proposito dell’episodio avvenuto nel comune di Camaiore. Fanpage riporta che nove ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni, residenti presso il comune  sono stati, loro malgrado, vittime delle sanzioni. Saranno i genitori dei minorenni multati a dover pagare i 400 wuro previsti dal decreto, ridotti a 280 in caso di pagamento a massimo cinque giorni dalla sanzione . I ragazzi, forse ignari della gravità delle loro azioni o forse solo stanchi di rispettare la quarantena  si incontravano abitualmente nella pazza principale di Camaiore, per di più senza indossare le mascherine come viene caldamente consigliato anche da medici e virologi.

Il sindaco Del Dotto ha lanciato un appello a tutti i suoi concittadini più giovani, secondo Luccaindiretta“Capisco che sia difficile comprendere la gravità della situazione alla vostra età. Ma cercate di comportarvi responsabilmente perché è anche nel vostro interesse”. Il primo cittadino ha concluso ricordando ai genitori di vigilare sui loro figli: “La situazione rende difficoltoso stare dietro ai propri ragazzi. Ma non possiamo fare sconti a nessuno”. In tutta Italia i sindaci stanno aprendo un canale di comunicazione diretto con i propri concittadini affinché la fase due abbia un esito positivo. Risalgono a ieri le dure parole del primo cittadino milanese Sala. Come i suo collega di Lucca si è rivolto direttamente ai cittadini che non stanno rispettando le regole.

 

Fonte: Alessandro Gassmann Twitter, Fanpage, Luccaindiretta SkyTG24

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]

Fanpage, Luccaindiretta