La Sea Watch torna in mare. E già si parla di “ex Decreto Sicurezza”

0
2

Il Tribunale di Palermo ha stabilito il dissequestro della Sea Watch, la nave Ong di Sos Mediterranee che ora potrà tornare in mare. La Ong canta vittoria su Twitter e già si parla di “ex Decreto sicurezza”.

sea watch torna mare

“Abbiamo vinto sull (ex) Decreto sicurezza bis”. Queste le parole trionfali scritte su Twitter dalla Ong Sea Watch Italy in seguito alla decisione del Tribunale di Palermo di dissequestrare la nave. Ora la Sea Watch 3 sarà libera di tornare in mare.

Sea-Watch Italy@SeaWatchItaly

🔴🔴 Abbiamo vinto il ricorso al Tribunale Civile di Palermo: la 3 è libera!

Dopo oltre 5 mesi di blocco nel porto di Licata, ci prepariamo a tornare in mare.

La giustizia trionfa sul (ex-) Decreto Sicurezza bis.

Visualizza l'immagine su Twitter

Il post fa riferimento a quanto più volte dichiarato dal Governo Conte Bis e, in particlare dal Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sul fatto di voler superare i due Decreti sicurezza varati dal precedente esecutivo. A differenza del suo predecessore, il leghista Matteo Salvini, Lamorgese, infatti, si è mostrata fin da subito amica delle Organizzazioni Non Governative che si occupano del salvataggio dei migranti in mare. Al punto che ha indetto bandi per finanziare le navi Ong.

La Sea Watch 3 era stata ferma per ben 5 mesi. Si tratta della medesima nave capitanata da Carola Rackete cha lo scorso giugno entrò illegalmente nel porto di Lampedusa e speronò una motovedetta della guardia costiera su cui erano a bordo due agenti. Dalla nave Ong sbarcarono 3 scafisti poi arrestati grazie alle testimonianze di altri migranti che li hanno riconosciuti.Ma le battaglie non sono ancora terminate. Infatti se la Sea Watch della capitana Carola è di nuovo libera, restano, invece, ancora ferme altre tre navi: la Mare Jonio e la Alex di Mediterranea e la Eleone della Lifeline. Per questa ragione – riferisce la Repubblica – Mediterranea Saving Humans ha lanciato sui social una  campagna per la liberazione delle navi umanitarie. Lo slogan prescelto per la campagna comunicativa è: “Adesso basta! Basta una firma!” E s’invitano tutti i firmatari a condividere una foto con affisso questo slogan. Il primo a sottoscrivere la petizione è stato il giornalista e scrittore Roberto Saviano.

sea watch torna mare petizione saviano

E mentre la Sea Watch torna libera, nelle stesse ore, l’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini, rischia 15 anni di detenzione per il caso Gregoretti. Infatti gli ex alleati grillini, secondo le istruzioni del loro leader Luigi Di Maio, hanno votato contro l’immunità parlamentare ed ora pretendono che salvini venga processato per non aver autorizzato per 4 giorni lo sbarco di 161 migranti. Infatti il leader del Carroccio autorizzò lo sbarco della Gregoretti nel porto di Lampedusa solo dopo che altri paesi europei accettarono di farsi carico di una parte di migranti.

Fonte: La Repubblica, Sea Watch Italy Twitter.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui