Home Archivio Messaggio per Ilaria Cucchi: “Qualcuno ti pianterà un proiettile in testa, prima...

Messaggio per Ilaria Cucchi: “Qualcuno ti pianterà un proiettile in testa, prima o poi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:27
CONDIVIDI

Una frase orrenda recapitatale via social. E’ quello che ha denunciato Ilaria Cucchi, nel suo profilo FB, chiamando in causa Matteo Salvini e la Lega.

 

Paura e richiesta, neanche troppo esplicita. di una tutela, per sè ed i propri famigliari. E’ la conclusione a cui giunge Ilaria Cucchi: “Chiedo a Matteo Salvini e a tutti gli iscritti alla Lega cosa pensano di questo post. Dato che viene da un soggetto che ha un profilo nel quale si dichiara loro sostenitore. Non posso far altro che denunciare ma mi rendo conto che di fronte a tutto questo io e la mia famiglia siamo senza tutela“. Ilaria, pubblica l’immagine del post in cui si legge “a sta stronza qualcuno metterà una palla in testa prima o poi, a prescindere da quest’ultima stronzata“.

Chiedo a Matteo Salvini e a tutti gli iscritti alla Lega cosa pensano di questo post. Dato che viene da un soggetto che…

Pubblicato da Ilaria Cucchi su Sabato 23 novembre 2019

La Cucchi è reduce da un altro post, poche ore fa dove aveva reso pubblica la sua decisione di querelare l’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini, per frasi ritenute offensive a commento della sentenza di condanna per gli assassini di Stefano Cucchi, geometra e pusher romano, malmenato brutalmente dopo l’arresto da parte dei militari dell’Arma. Una vittoria giudiziaria, per Ilaria Cucchi e la sua famiglia, la quale tuttavia, non sembra essere intenzionata a abbassare la guardia nè a ritrarsi in disparte dopola chiusura processuale della vicenda riguardante il fratello. E lo scontro più duro è proprio con il leader della lega, che tuttavia si dice “tranquillo” dinanzi alle iniziative processuali di Ilaria

 

“La droga fa male sempre e comunque, spero di non essere denunciato se il sabato pomeriggio denuncio che la droga fa male, sempre e comunque”, dice il leader della Lega Salvini chiudendo la diretta Facebook e tornando indirettamente sul caso di Stefano Cucchi, senza citarlo.

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]