Home Politica Crocefisso nelle scuole, il no del ministro Fioramonti: “Meglio la cartina del...

Crocefisso nelle scuole, il no del ministro Fioramonti: “Meglio la cartina del mondo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:31
CONDIVIDI

Crocefisso nelle scuole: il neo ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti ha parlato alla trasmissione radiofonica di Radio 1 “Un giorno da pecora” sulla questione del crocefisso.

crocefisso scuole fioramonti

Se per Matteo Salvini le radici cattoliche devono essere ricordate e non rimosse  qualcun altro il crocefisso vorrebbe toglierlo dalle scuole. Si tratta del neo Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che ha parlato della questione nella trasmissione radiofonica “Un giorno da pecora”.

Crocefisso nelle scuole: “No a simboli religiosi”

E’ vero che l’Italia è un Paese di formazione cattolica, ma lo è altrettanto il fatto che la società sia diventata sempre più multiculturale e multireligiosa, dice Fioravanti. il Corriere della Sera riporta le affermazioni del Ministro:”Meglio appendere alla parete una cartina del mondo con dei richiami alla Costituzione”. Fioravanti riconosce quel quella dei simboli religiosi è una questione divisiva “che potrebbe attendere”, ma lui pensa “ovviamente ad una visione della scuola laica e che dia spazio a tutti i modi di pensare”. Sull’opportunità di aggiungere altri simboli religiosi come musulmani o ebraici,  Fioramonti è chiaro. Eviterebbe, dice, “un’accozzaglia di simboli, altrimenti diventa un mercato”.

Ovviamente le reazioni non si sono fatte attendere. Come riporta Open, ex ministra dell’Istruzione Mariastella Gelmini ha dichiarato: “La sua presenza sulle pareti delle aule scolastiche  contrariamente a quel che pensa il ministro Fioramonti, non impedisce di esprimersi agli studenti di altre culture e religioni, ma sta lì a ricordare che la laicità che il ministro liberamente rivendica è conseguenza diretta proprio delle radici cristiane dell’Italia e dell’Europa”. Le fa eco anche Mara Carfagna, che su Twitter ha scritto: “I problemi della scuola sono insegnanti che mancano, strutture non a norma, palestre che non ci sono, costo altissimo dei libri di testo. Il problema non è certo il crocifisso, simbolo della nostra identità. Il Ministro Fioramonti si preoccupi di ciò che davvero serve alla scuola”.

Anche Fratelli d’Italia – da sempre molto attiva sul tema – è intervenuta nella persona di Paola Frassinetti, deputato e vicepresidente della Commissione Cultura della Camera: “Ricordiamo al ministro che, pur rispettando tutte le religioni, qui siamo in Italia ed è giusto che nelle aule ci sia il Crocifisso. I fedeli di altre religioni devono per prima cosa rispettare i simboli della nostra fede, altrimenti, se ne sono infastiditi, nessuno li obbliga a rimanere qua”, ha chiosato Frassinetti”.
Ricordiamo che lItalia è stata assolta nel 2011 dalla Corte Europea per i Diritti dell’Uomo  – consultabile sulla pagina Giustizia – dall’accusa di violazione di diritti umani: tenere infatti in aula  il crocifisso, secondo la Corte,  non rappresenterebbe alcuna coercizione nel libero determinarsi degli studenti sulle questioni religiose.

Fonte: Il Corriere, della Sera, Open, Mara Carfagna Twitter, Giustizia

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]