Home Estera I 356 migranti della Ocean Viking sbarcano a Malta, ma nessuno ci...

I 356 migranti della Ocean Viking sbarcano a Malta, ma nessuno ci resta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:43
CONDIVIDI

Ocean Viking farà sbarcare i 356 migranti che ha a bordo a Malta, poi i naufraghi saranno trasferiti in altri 6 Paesi dell’Unione Europea

Migranti Ocean Viking sbarcano Malta - Leggilo

Trovato un accordo per lo sbarco della Ocean Viking. I 356 migranti a bordo dell’imbarcazione delle due Ong – Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee – sbarcheranno a Malta, come è stato annunciato dal Premier maltese Joseph Muscat prima alla stampa e poi in un post condiviso sul suo account Twitter. L’intesa  è stata raggiunta a seguito di “discussioni con la Commissione europea e un certo numero di Stati membri, soprattutto Francia e Germania”.

In seguito allo sbarco, i profughi saranno trasferiti su navi militari maltesi in acque internazionali e distribuiti in altri Paesi europei: Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania. Nessuno, specifica Muscat, resterà a Malta.

Il Ministro dell’Interno francese, Christian Castaner, ha reso noto che “La Francia ribadisce la propria solidarietà: 150 persone delle 356 soccorse dalla nave Ocean Viking saranno accolte nei prossimi giorni sul nostro territorio”. Castaner ha poi ringraziato le autorità maltesi, il suo omologo Michael Farrugia e e Dmitris Avramopoulos, commissario UE all’immigrazione, per aver trovato un’intesa. “Insieme – ha concluso il Ministro dell’Interno transalpino, come riportato da Rai Newssiamo riusciti a costruire una soluzione europea”.

Come riferito dall’Ansa, non solo la Francia, ma anche Germania, Portogallo, Romania, Lussemburgo e Irlanda hanno dato disponibilità ad accogliere i naufraghi soccorsi dalla Ocean Viking. Medici senza frontiere ha infatti specificato che questo gruppo di Paesi europei “si è fatto avanti per offrire una soluzione più umana e Malta ha offerto alla nave un porto sicuro”. A seguito dello scalo l’imbarcazione, battente bandiera norvegese ma gestita da Msf e Sos Mediterranee,  ripartirà “quanto prima verso nuove operazioni di soccorso”. Msf si è quindi detta “sollevata per la soluzione, ma – ha sottolineato – ribadisce che Governi europei devono porre definitivamente fine a stalli prolungati e meschine negoziazioni caso per caso, per instaurare subito un meccanismo di sbarco predeterminato”.

“Le persone che abbiamo a bordo sono fuggite da condizioni disperate e hanno subito orribili abusi in Libia. Mentre la Ocean Viking e la Open Arms erano bloccate in mare ci sono stati altri tragici naufragi – ha aggiunto – Gli Stati europei devono riconsiderare seriamente il loro ruolo in tutto questo”.

Fonte: Muscat TW, Rai News, Ansa, Medici Senza Frontiere Twttter

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]