Home Politica Gregorio De Falco: “Ora un Governo senza Salvini, il buffone è andato...

Gregorio De Falco: “Ora un Governo senza Salvini, il buffone è andato a casa”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:25
CONDIVIDI

In Senato, durante l’intervento di Matteo Salvini in risposta a quello di Giuseppe Conte, ci sono state numerose reazioni da parte delle opposizioni. Il senatore Gregorio De Falco si è alzato in piedi e ha rivolto un gesto ai banchi della Lega, con tanto di labiale.

De Falco buffone vai a casa - Leggilo

“Buffone, tu vai a casa”. Sono le parole pronunciate da Gregorio De Falco durante l’intervento di Matteo Salvini in Aula. Le telecamere di La7 non lasciano spazio ad interpretazioni e catturano labiale e gesti dell’ex senatore pentastellato, ora al Gruppo Misto. In piedi, De Falco si rivolge alla parte opposta dell’aula: “Tu… tu… vai a casa”, ripete con insistenza, come riportato anche da Adnkronos. Una frase che ha ricordato quella rivolta al Capitano della Costa Concordia Francesco Schettino. “Torni a bordo, cazzo“, intimò De Falco al comandante della nave.

Il gesto di De Falco è diventato virale ed in poche ore è stato ripreso sui social da moltissimi utenti:

Da Facebook a Instagram a Twitter, i social sono insomma i veri protagonisti della crisi, ripresa in svariate versioni. Immagini ironiche e simpatiche, gif e emoticons rimbalzate ovunque.
De Falco, Salvini e Mattarella sono i politici più virali della crisi. Ma, scherzi a parte, la questione è tutt’altro da ridere.

Gli equilibri sono instabili e la decisione definitiva è stata rimandata dal Presidente Sergio Mattarella a martedì prossimo. Le consultazioni di ieri pomeriggio hanno avuto come risultato l’ipotesi sempre più insistente di un governo di accordo tra PD e M5s. L’ex senatore grillino, ora al gruppo misto, non ha escluso di votare la fiducia ad un Governo giallo-rosso che sembra assumere piano piano lineamenti più concreti. “Con Salvini o senza? Meglio senza” così, a detta del Fatto Quotidiano,  aveva brevemente risposto prima delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte. E ai giornalisti che gli chiedevano se era dispiaciuto dell’addio aveva risposto: “Le questioni umane non hanno a che fare con la politica”. Intano Luigi Di Maio ha chiarito, elencando i suoi dieci punti per riformare l’Italia, che il Movimento non ha paura di andare al voto ma che, tuttavia, c’è bisogno di mantenere le promesse fatte agli italiani.
Fonte: Agenzia Vista, Adnkronos

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]