Home Cronaca Leanda, a faccia in giù in piscina: la bimba muore dopo sei...

Leanda, a faccia in giù in piscina: la bimba muore dopo sei giorni di agonia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27
CONDIVIDI

È deceduta Leanda, la bambina di quattro anni che era accidentalmente finita in acqua nel “Centro vacanze La Risacca”. La piccola era ricoverata all’ospedale di Ancona da sei giorni. Si indaga per omicidio colposo.

Leanda bimba muore piscina - Leggilo

Era sfuggita al controllo dei genitori, cadendo nella piscina del centro vacanze “La risacca”, a Porto Sant’Elpidio, in provincia di Fermo. 4 anni, la storia della piccola Leanda sembrava poter avere un esito diverso rispetto ai tanti casi di annegamento che hanno invaso le cronache da inizio estate fino ad oggi. Ne aveva dato notizia l’Ansa. La piccola era stata notata da uno dei bagnanti, con il volto sott’acqua. Era stata rianimata con massaggio cardiaco,  intubata e trasferita in eliambulanza al materno infantile Salesi di Ancona. Le sue condizioni si erano mostrare fin da subito molto gravi fino a quando la vicenda ha avuto l’esito peggiore che si potesse immaginare.

Leanda non ce l’ha fatta. Come informa SkyTg24,  il Sostituto Procuratore della Repubblica di Fermo, Francesca Perlini ha iscritto il reato di omicidio colposo sul fascicolo del terribile incidente. Un atto dovuto, con le indagini ancora in corso e una dinamica tutta da ricostruire. Dai filmati di videosorveglianza della piscina, non c’è traccia di quell’angolo in cui è annegata la bimba. Resta da capire se la caduta sia stata accidentale, oppure volontaria, o ancora se qualcuno l’ha spinta.

Secondo le ricostruzioni, il fatto si sarebbe consumato intorno alle 13.15. Il papà della bimba ha dichiarato di averla persa di vista e di essersi accorto di quanto accaduto solo quando ha visto la folla radunarsi intorno alla piscina. Il primo a soccorrerla è stata un bagnino – dopo l’allarme lanciato da una donna – che ha tentato le manovre di rianimazione aiutato da una turista olandese in attesa dell’arrivo dei sanitari del 118. Gli inquirenti stanno interrogando tutti coloro che potrebbero essere utili a ricostruire il fatto ma, essendo la piscina un parco pubblico, il fatto non è semplice. Intanto, sul corpo della vittima è stata disposta l’autopsia per stabilire con certezza la cause del decesso.

Fonte: SkyTg24, Ansa