Home Spettacolo Fabrizio Corona pensa alla politica: “Io a Palazzo Chigi, perchè no”

Fabrizio Corona pensa alla politica: “Io a Palazzo Chigi, perchè no”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:59
CONDIVIDI

 

Fabrizio Corona. Una vita di sesso, carcere, truffe. Spavaldo, impavido, trasgressivo. Ex agente dei vip, sotto braccio con il suo amico Lele Mora, quello che si fa rubare 40.000 euro dai Rom, per intenderci. La lista dei suoi procedimenti giudiziari è lunga quanto quella della spesa di mia madre il giorno prima di Natale. Un mondo di ricatti, soldi, droga. E’ il mondo di Corona, un mondo di ostentazione, di megalomania. Un mondo dove lui ci sguazza, si mette comodo e vive una vita dov’è spettatore di se stesso. Fabrizio Corona è un personaggio e a colazione mangia la tv. Ci sa stare, davanti allo schermo. Sa stare anche in carcere, a quanto pare, visto che parla della galera come fosse un aperitivo al bar. Nel carcere di San Vittore ha passato il tempo a cucinare, a non lavarsi, a gestire una palestra, a fare ritocchi estetici. Ma ha anche letto manuali di diritto per capire le accuse che gli piombavano addosso. Le persone studiano per anni giurisprudenza e poi arriva lui a capirci di diritto. Comunque, Corona ha passato anche il suo tempo a scrivere, e ha scritto un libro, “Non mi avete fatto niente”, in libreria da Martedì. Ci crede talmente, nel fatto che nessuno gli abbia fatto niente, nel fatto che non sia stato toccato in nessun modo dalle vicende giudiziarie che gli sono piombate addosso, che ha tatuato la frase dietro l’orecchio. Frase che ha urlato dopo essere entrato in studio al programma Verissimo, oggi pomeriggio, come fosse il grido di battaglia di un eroe.

Fabrizio Corona  a Verissimo

 

Ospite da Silvia Toffanin – la nuora di Silvio Berlusconi –  ha raccontato di ciò che “non gli è stato fatto“, perché lui è così, di quei leoni che passano il tempo a ruggire e non piegano la testa neanche quando gli viene ferita. Sarebbe più umile abbassarla, invece, ogni tanto. Tra una chiacchiera e un’altra con la conduttrice, Corona ha messo bocca anche sulla politica. “In carcere ho letto”, ha detto, “Ho letto di diritto e ti dico una cosa. Io potrei andare adesso a Palazzo Chigi. Potrei andare a Palazzo Chigi a parlare con Di Maio e Salvini della finanziaria. Ne saprei più di loro”.

Capito? Lui può andare a palazzo Chigi ed io allora sono la Regina Elisabetta. Va bene, magari potrebbe saperne più della parlamentare Maria Elena Boschi, tanto per dirne una, ma darsi arie in politica mi sembra un tantino esagerato. Non solo, Corona ha detto anche di odiare il Vicepremier e Ministro dell’Interno. “Io odio Salvini”, ha detto, “anzi, io e Asia Argento lo odiamo”. La Argento,tanto per intenderci, è la figlia del regista Dario, coinvolta nello scandalo del produttore americano Weinstein. La Argento, quella tutta tatuata, finta trasgressiva, una delle ex di Corona degli ultimi mesi con cui è stato fidanzato due giorni, dopo Zoe Cristofoli, 2 ore; Patrizia Bonetti, 5 giorni; Silvia Proveddi, un po’ di più;  Teylor Mega, dieci minuti. E poi la gelataia, la commessa e la vicina di casa. Tutti insieme nello stesso letto.

Non solo. Corona ha anche fatto riferimento alla campagna elettorale lanciata dal Vicepremier Salvini in occasione della manifestazione romana dell’8 Dicembre scorso, con le immagini dei suoi acerrimi nemici, con la scritta “Lui non ci sarà”.

Fabrizio Corona Verissimo

Tra le immagini, oltre alla sua, quelle della stessa Argento, la Boschi, Renzi e altri rivali. E ancora, Corona, parlando con la Toffanin, ha fatto cenno all’arresto di Di Battista: “Lui senza manette, io ne avevo almeno 5”, criticandone la spettacolarizzazione.

Fabrizio ha anche parlato della sua esigenza di far sesso con chiunque, tanto da prendere pillole per essere agevolato; di Belen Rodriguez come la donna che avrebbe voluto sposare; del testamento dove lascerà tutti i suoi averi a suo figlio Carlos Maria; del rapporto ritrovato con la croata  ex-moglie Nina Moric. Ha detto poi di sentirsi Dio e di essere fissato con i soldi – “i soldi sono come la cocaina”. Insomma, un’intervista degna di lode. Il punto è che Corona si fa ascoltare, fa audience, è un personaggio, un lupo di tv. Esagerato, in tutto. Ogni suo passo è televisivo, ogni sua parola è mediatica. Come disse la sua ex, la gemella mora delle Provvedi, in Corona il personaggio ha mangiato l’uomo. E noi lo guardiamo, il personaggio. Lo ascoltiamo. Da martedì lo potremmo anche leggere. In fondo, è simpatico. Penso sia anche buono. Ma è pieno di sé, e questo disturba. Pieno di vizi, dichiarati con lo stesso atteggiamento spavaldo che ha in ogni momento. Insomma, non conosce vie di mezzo. Il suo male, che lo ha condannato, è il voler essere sempre al centro. Chissà un giorno potremmo trovarcelo davvero a Palazzo Chigi, lui e la sua Asia. Con il PD sempre pronto ad osannare le persone che odiano Salvini non si butta nulla. Questi personaggi un giorno potrebbero passasre all’incasso e dire che hanno salvato l’Italia dai sovranisti. Un sogno, un incubo? Sì, ma intanto Fabrizio Corona è reale. E passare all’incasso è il suo mestiere

Chiara Feleppa

La completezza dell'Informazione è nell'interesse di tutti. Per questo ti chiediamo di suggerire integrazioni o modifiche e di segnalare eventuali inesattezze o errori in questo o in altri articoli di Leggilo.Org scrivendoci al seguente indirizzo: [email protected]

Se hai idee diverse dalle nostre puoi contribuire ai contenuti di questa pagina scrivendo per 'ControLeggilo' una rubrica dedicata alle tue opinioni. I contributi migliori saranno pubblicati. Scrivici al seguente indirizzo: [email protected]