Home Personaggi Masterchef semifinale, Michele Cannistraro: chi è, età, carriera, vita privata

Masterchef semifinale, Michele Cannistraro: chi è, età, carriera, vita privata

CONDIVIDI

Masterchef semifinale: chi è Michele Cannistraro, semifinalista della prima edizione di Masterchef All Stars.

Michele Cannistraro aveva partecipato alla terza edizione di Masterchef piazzandosi all’ottavo posto, dopo aver perso la sfida contro Alberto. Dopo la sua partecipazione, la vita è molto cambiato per “Il Cannibale” – questo il suo soprannome – e vediamo perché.

Michele Cannistraro: chi è, età, carriera

Michele è nato nel 1980 e vive a Rozzano, in provincia di Milano, con la sua famiglia. Prima di partecipare a Masterchef era capo cantiere.

Dopo la partecipazione al cooking show il suo sogno di vivere di cucina si è realizzato: è diventato infatti personal chef e collabora con Zodio dove tiene corsi di cucina. “Sono cambiato in tutto: ora sono un imprenditore e faccio quello che mi è sempre piaciuto fare, cucinare. MasterChef è come girare pagina: ti dà un’opportunità pazzesca, ma devi saperla sfruttare e crederci” ha detto nella sua scheda di presentazione su Sky Uno.

Il suo piatto forte in realtà non è solo uno, ma tre: “le celeberrime costine del Cannibale, cotte a bassa temperatura, marinate due volte, grigliate e affumicate; la fregola al mojito con menta e lime; dulcis in fundo il riso patate e cozze di mamma ma… rivisitato!”.

Sicuramente una curiosità che lo riguarda è il fatto di aver lavorato come personal chef per il Principe Alberto Di Monaco: “Sono riuscito a fare mangiare con le mani una costata!” ha detto entusiasta Michele. Il suo miglior pregio è quello di “crederci sempre”, mentre il peggior difetto è quello di non ascoltare gli altri e di fare di testa propria, pur chiedendo consigli.

Michele Cannistraro: vita privata e curiosità

Michele è sposato con Marzia ed è padre di due figlie. Si ritiene un marito e un papà felice. Oltre alla cucina ha due hobby: la moto – con cui in passato ha fatto anche delle gare a livello internazionale – e i tatuaggi.