Il bambino nasce con alcune dita mancanti. La mamma: “Mi faccio sterilizzare”

Una giovane donna sta seriamente valutando la sterilizzazione, dopo la sua ultima gravidanza.

La gioia di una nuova vita ha lasciato il posto al dolore per una terribile scoperta. Dominique O’Brien, 25 anni, madre di due bambini ha dato alla luce un bambino a cui mancano alcune dita su una mano. Il piccolo Elliott è nato a febbraio con questa malformazione che nessuno le aveva diagnosticato. La madre lo ha scoperto al momento del parto dalle infermiere e tutto il mondo le è crollato addosso.

A Liverpool nasce un bambino senza le dita della mano

La giovane mamma ha raccontato la sua storia al Mirror, molto delusa e arrabbiata, perché aveva deciso che per la sua seconda gravidanza avrebbe monitorato le scansioni di crescita. Il suo primo figlio, Ethan, era nato estremamente piccolo e memore di quanto era successo, Dominique aveva deciso di seguire questa nuova gravidanza molto attentamente. Eppure ad ogni visita di controllo le condizioni di suo figlio – che colpiscono 1 su 32.000 bambini – non sono state notate. Qualcuno le aveva addirittura fatto notare il saluto della sua piccola creatura.

Dominique lancia una petizione: “Nessuno dovrà soffrire come me!”

Dopo aver scoperto, a sue spese, che non è una routine d’esame controllare le dita delle mani e dei piedi, ora Dominique ha lanciato una petizione su charge.org per avviare l’obbligo legale di controllare le malformazioni degli arti nelle scansioni. La madre di Netherton ha detto che ora sta valutando la sterilizzazione dopo aver perso la fiducia nella comunità medica. Dopo aver dato alla luce il piccolo al Liverpool Women’s Hospital, ha dichiarato: «Ricordo di aver provato la scansione di 32 settimane con Elliott e la signora che ha fatto la scansione dicendo” guarda il tuo bambino che ti saluta “. La paura più grande è quella per il futuro:«Ho passato mesi sentendomi in colpa, pensando di aver fatto qualcosa di sbagliato non potevo godermi il mio bambino, ho passato tutto il mio tempo a preoccuparmi di come avrebbe vissuto la vita e di come sarebbe stato vittima di bullismo».

Alessandra Curcio

Fonte: Mirror

Impostazioni privacy