Home Spettacolo e Gossip La madre di Asia Argento sulla figlia: “Non troverà mai l’uomo giusto”

La madre di Asia Argento sulla figlia: “Non troverà mai l’uomo giusto”

CONDIVIDI

Continua la saga di Fabrizio Corona e Asia Argento e continuano anche i commenti della madre di lei, Daria Nicolodi, che non approva la relazione. 

La madre di Asia Argento interviene nuovamente circa la sua relazione con Fabrizio Corona, dopo il bacio tra i due incappucciati, finito su tutti i giornali. Daria Nicolodi, questa volta a mezzo Twitter, ha espresso il suo parere negativo sul flirt in corso tra la figlia e l’ex galeotto: «È una Brunilde – ha scritto in un tweet – Difficile per lei trovare un uomo giusto. Anche nella mitologia norrena, compariva un cappuccio e per fortuna era quello dell’invisibilità».

Le parole si ricollegano al suo commento precedente, in cui definiva Asia e Fabrizio «due signori di mezza età con felpa e cappuccetto che si baciano, un po’ inguaiati e inguaianti». Il temperamento focoso della figlia l’aveva indotta a rispondere per le rime alla madre: «Fai schifo, sei una donna pessima, fo***ti tr**a». E ancora una volta la signora Daria aveva utilizzato il sarcasmo per lenire l’aggressività della figlia: «un periodo in clinica non ti guasterebbe, siamo preoccupati per te».

Chi era Brunilde, il personaggio a cui viene paragonata Asia Argento?

La Brunilde nominata dalla madre di Asia Argento è un personaggio della mitologia scandinava, per la precisione la regina d’Islanda. Era una donna guerriera e imponeva ai suoi pretendenti di batterla in duello per avere la sua mano. Il re dei Burgundi per averla architettò un inganno, facendosi aiutare dal suo amico Sigfrido, che combatteva accanto a lui con il cappuccio dell’invisibilità. Brunilde scoprì di essere stata ingannata solo dopo essersi concessa e si tolse la vita. Ovviamente la madre non augura di certo una simile fine alla figlia, ma attraverso il paragone vuole sottolineare la tendenza di Asia Argento a fidarsi emotivamente delle persone sbagliate come, a suo avviso, nel caso di Fabrizio Corona.

Alessandra Curcio