Home Lavoro Per Maurizio Landini chi ha votato Lega si è già pentito –...

Per Maurizio Landini chi ha votato Lega si è già pentito – VIDEO

CONDIVIDI

Maurizio Landini, da molti accreditato come il prossimo segretario della Cgil, è pronto a difendere i diritti dei lavoratori contro il Governo della Lega. 

Nel mondo del lavoro odierno c’è bisogno di una collaborazione che vada oltre le divisioni politiche. Questo il pensiero di Maurizio Landini, ex segretario Fiom, che è attualmente in corsa per la segreteria della Cgil. L’occasione per parlare del suo punti di vista è arrivata in occasione della presentazione del libro Mutualismo. Ritorno al futuro per la sinistra di Salvatore Cannavò.

Maurizio Landini contro la Lega

“Oggi abbiamo bisogno di mescolare tutte le forme di lavoro esistenti e di idee sindacali. Non ci sono più ragioni partitiche per cui debbano continuare a essere divisi”. Così Maurizio Landini ha parlato della situazione attuale del sindacato. Ma c’è di più. Per il candidato segretario della Cgil il Governo attuale non è in grado di dare risposte adeguate ai problemi del mondo del lavoro: “Oggi chi ha votato Lega ha in tasca anche la tessera della Cgil e mi chiede di tenere duro, e di difenderlo dallo stesso governo che ha votato”.

Maurizio Landini invita all’unità dei sindacati: “Non esistono più divisioni”

Per Landini è giunto il momento di abbandonare i colori e gli stendardi politici per scegliere un’unica strada che deve avere a cuore solo il benessere dei lavoratori. I tempi delle divisioni partitiche sono finite, è tempo di rimboccarsi le maniche per far sentire la propria voce in un momento di assestamento politico. Maurizio Landini è pronto a guidare la Cgil e far valere i diritti dimenticati dei cittadini italiani. Si impegnerà per tutti gli elettori di questo Governo, che non vedono il cambiamento tanto sperato e per il quale hanno deciso di scegliere la Lega. La delusione dei lavoratori di fede salviniana è tanta e toccherà proprio a Landini provare a cambiare le cose.

Ecco il video con le parole di Maurizio Landini:

Alessandra Curcio