Home Spettacolo e Gossip Le femministe contro Chiara Ferragni: “È il simbolo del sessismo. Sminuisce la...

Le femministe contro Chiara Ferragni: “È il simbolo del sessismo. Sminuisce la nostra lotta”

CONDIVIDI

Piovono polemiche su Chiara Ferragni. Dopo l’attacco di Maurizio Costanzo, anche la politica critica la bionda fashion blogger.

Un altro attacco per Chiara Ferragni. Le dure parole di Maurizio Costanzo non hanno lasciato segno nella quotidianità della nota influencer. Il web sembra avere già dimenticato la questione “spreco di cibo” che aveva infiammato gli animi in seguito al compleanno del marito Fedez in un supermercato. Ma a remare contro la Ferragni ora ci pensa la politica.

Chiara Ferragni e le accuse delle femministe

Potere al Popolo attacca Chiara Ferragni attraverso un post apparso sul profilo Facebook del leader del partito Viola Carofalo. L’attivista considera la fashion blogger più famosa d’Italia il simbolo della cosiddetta «spettacolarizzazione (o peggio ancora la “mercificazione”) della lotta antisessista e contro modelli definiti dall’altro, che rischia di svuotare di contenuto le nostre battaglie». Il motivo? La campagna della Pantene a cui la Ferragni presta il volto. Questa pubblicità avrebbe dovuto rappresentare un riscatto per le donne, una spinta ad “accettarsi, per non sentirsi obbligate ad adeguarsi ai modelli vigenti in materia di capelli”. Proprio la scelta della Ferragni come testimonial sconfesserebbe tale scopo.

Viola Carofalo non ci sta: “La Ferragni sminuisce le battaglie femministe!”

Da sempre concentrata sulle battaglie per i diritti sociali, Viola Carofalo è ben decisa a sollevare la polemica contro la campagna pubblicitaria della Pantene: «La testimonial non è una ragazza con gli afro, o, per fare un altro esempio, una donna con pochi capelli perchè sta facendo la chemio. È Chiara Ferragni: lunghi capelli biondi sempre in piega (fatti suoi, ma mi sembra una testimonial surreale)». La trascinante leader di Potere al Popolo non riconosce nella Ferragni un valido esempio per le donne, anzi la considera uno “strumento” per sminuirle. Nelle sue parole la bionda influencer diventa un simbolo della “destra populista, che oltre a instillare odio, sessismo e razzismo si appropria e stravolge continuamente i nostri contenuti (il reddito, la lotta alla povertà, la critica alle istituzioni europee)”. Anche stavolta la Ferragni si lascerà scivolare la polemica addosso o sarà battaglia fino all’ultimo shampoo?

Ecco il post di Viola Carofalo contro Chiara Ferragni:

Alessandra Curcio