Home Politica Cècile Kyenge: “In Italia il razzismo è realtà, giuste le ispezioni dell’Onu”

Cècile Kyenge: “In Italia il razzismo è realtà, giuste le ispezioni dell’Onu”

CONDIVIDI

Qual’è il problema degli italiani con Cécile Kyenge? Molto semplice, forse. E’ la costante critica che l’eurodeputata PD intende muovere al Bel Paese su temi cruciali, come il razzismo, e su cui buona parte degli italiani non intende ricevere lezioni, a torto o ragione. Da nessuno. Meno che mai da una donna che di offese stupide ne ha subite ma – al di là dei suoi reali sentimenti verso l’Italia – non si è mai curata di mostrare un gesto di reale empatia verso i connazionali italiani. Potrebbe essere solo un difetto di comunicazione. Ma Cécile appare tutto meno che pacificata nei confronti della gens italica. Ha un sentimento complesso e contraddittorio verso l’Italia: una via di mezzo tra paura, snobismo e sufficienza. Sembrano del tutto assenti amore, rispetto e gratitudine. Forse perchè, nella sua testa, questi sono sentimenti prossimi alla sottomissione. Qualcosa che lei disdegna dal profondo. Ma apparire così suscettibile verso il tema del razzismo, anche a dispetto di una storia individuale che la vede accolta e nominata Ministro, sembra rivelare in lei quello che imputa agli altri. Ed è questa le sensazione che dà, e che spiega – non giustifica – le reazioni istintivamente ostili che si attira, anche quando le sue intenzioni erano delle migliori.

Un caso eclatante fu quando da Ministro, insieme alle figlie, decise di prestare servizio alla mensa dei migranti del Centro Astalli a Roma. Un gesto encomiabile, che fotografi attenti furono pronti a documentare. Ebbene Cécile venne immortalata con un orologio al polso che venne scambiato per Vacheron Constantin Patrimony Traditionelle Quartz, un orologio da 23 mila euro. Niente di illegale. Ma apriti cielo. E giù critiche. In sua difesa intervenne il marito, Domenico Grispino «Non mi risulta proprio che abbia un orologio simile. Io quando è entrata in Parlamento le ho donato un Lorenz da 200 euro, un orologio meccanico che rimane sempre indietro perché lei si scorda di caricarlo. Ora la chiamo e le chiedo se avesse al polso il mio regalo». Poco dopo arrivò la conferma: «Cécile aveva indosso il Lorenz. Se vuole la porto nell’oreficeria di Modena in corso Canalchiaro dove l’ho acquistato insieme al mio Tissot da 100 euro – spiegò ancora il marito con pazienza e garbo –  Ho pagato con carta di credito e quindi la spesa è facilmente verificabile. Questo dimostra che si può acquistare cose molto belle, spendendo il giusto. Basta non seguire la moda».

Qual’era il problema in realtà? Non tanto l’orologio. Quanto piuttosto che l’attenzione di Cécile, Ministro d’Italia, sembrava già allora insistentemente ed esclusivamente concentrata verso i migranti, non verso gli italiani. Il divario già era profondo. E la Kyenge, con sufficienza, forse anche snobismo, non si è mai curata di colmarlo, in tutti questi anni. Al punto da fondare un sospetto, quello di razzismo. Un suo razzismo verso l’Italia e gli italiani. Nascosto certo. Ma presente come un’ossessione disturbante. Un senso di fastidio per l’Italia e forse anche un disprezzo che Cécile riesce a simulare accusando gli altri per ciò che lei prova. Ma non può dire.  “Kyenge dica qualche volta grazie al Paese che l’ha accolta e che l’ha fatta Ministro” gridò nel luglio scorso l’eurodeputata Gardini durante una discussione nel Parlamento Europeo. Una frase semplice ed emblematica. Cécile non capì. Forse il problema è tutto lì. La sua reazione fu piena di rabbia. Un’altra donna sarebbe rimasta interdetta. Si sarebbe posta qualche domanda. Cécile no. Non sembra la persona che è solito chiedersi dove ho sbagliato.

BAGARRE TRA GARDINI E KYENGE

BAGARRE TRA GARDINI E KYENGE all'Europarlamento: "RINGRAZI IL PAESE CHE L'HA ACCOLTA"KYENGE: “SONO CITTADINA EUROPEA ELETTA DAI CITTADINI ITALIANI”La Gardini ha denunciato, in seno al Parlamento Europeo, LA POLITICA DELETERIA E DISUMANA DELLA SINISTRA NEI CONFRONTI DEI 40 MILA ROM RESIDENTI IN LURIDE BARACCOPOLI, così come ha chiesto a Cécile Kyenge di ringraziare l’Italia che l’ha accolta e le ha consentito di diventare ministro della Repubblica.

Pubblicato da Come i treni a vapore su Giovedì 5 luglio 2018

Le recenti dichiarazioni delll’Alto Commissario Onu per i Diritti Umani Michelle Bachellet che ha detto di voler inviare gli ispettori in Italia accusando il Bel Paese di violenza e razzismo poteva essere una buona occasione per dire una parola, una. Perchè l’accusa appare abnorme e ridicola. E offensiva. Ma la Kyenge non ha avuto l’intelligenza, anche politica, di smentirsi, per una volta.

Il razzismo in Italia? Penso che ci siano tutti i motivi per allarmarsi” ha detto, immancabilmente. “È una decisione credibile” ha detto, con riferimento all’iniziativa annunciata dall’Alto Commissario:  “Visto quanto successo negli ultimi tempi, soprattutto da quando si è insediato questo governo, penso che ci siano tutti i motivi per allarmarsi. È chiaro che la percezione che hanno in Italia le persone che i migranti siano tanti e siano il pericolo è aumentata rispetto al passato“. E accusa, prevedibilmente, il Governo Conte:

È aumentata soprattutto a causa delle dichiarazioni di persone che oggi siedono nelle istituzioni, dall’irresponsabilità e la spregiudicatezza con cui hanno trattato alcuni temi”, dice, “Si è fatta un’associazione fuorviante tra la crisi economica, il disagio sociale e l’arrivo dei migranti. Hanno cercato il capro espiatorio, ma non abbiamo bisogno di guerre tra poveri. È lampante che da quando si è insediato questo governo siano aumentati anche i casi di violenza. Per non parlare delle persone che hanno paura e la paura continua ad aumentare“.
 
E ancora: “Cerchiamo di non confondere le cose. L’Italia che ha fatto tanto per l’accoglienza e che può andare avanti a testa alta, non è certamente rappresentata da questo governo. I governi precedenti avevano un approccio totalmente diverso, avevano messo la persona al centro. Sono i governi che avevano portato avanti Mare Nostrum e avevano dato una lezione di accoglienza all’Europa. Il governo di oggi l’unica cosa che ha fatto è quella di bloccare i porti. Michelle Bachelet non ha puntato il dito contro periodi diversi. Ciò che stiamo vedendo oggi sono metodi di paura, del non rispetto dei diritti umani e delle convenzioni internazionali. Se l’Italia può camminare a testa alta non lo deve certo a questo governo“.