Home Cronaca Oliviero Toscani: “Italiani popolo di gente cattiva. Sarei dovuto passare io su...

Oliviero Toscani: “Italiani popolo di gente cattiva. Sarei dovuto passare io su quel ponte”

CONDIVIDI
Cos’è questa cattiveria, questo livore?”. A chiederlo è Oliviero Toscani che, in un’intervista al Corriere della Sera, difende i Benetton per quanto riguarda le loro responsabilità per il crollo del Ponte Morandi di Genova.
Non sono un tecnico, ma ho sempre sentito che era seguito con dei parametri molto più ampi della media europea“, dice il fotografo che attacca i Cinque Stelle:”Parlano i grillini che ne hanno fatte di tutti i colori, che sono contro tutto, contro la Gronda? Siamo un Paese che deve andare dallo psicanalista. Ma ha visto la mia foto che gira“. Secondo Toscani prendersela con i Benetton è sbagliato perché “loro sono delle persone serissime” e lo ribadisce più volte: “Sì, sono sempre stati seri, hanno sempre fatto le cose al massimo.. e lo dico io che ci ho lavorato insieme“. Il fotografo si dice dispiaciuto per il crollo del Ponte Morandi ma anche “per tutte le bugie che la gente racconta“. Secondo lui il popolo italiano è “frustrato” e “infelice“: “Da fotografo e da uomo immagine – aggiunge – posso dire proprio questo: siamo un popolo di infelici, incattiviti. Ce l’abbiamo con la nostra condizione, secondo me è per una colpa nostra. Ma allora prendiamoci a sberle per strada, sarebbe più sano a questo punto. Che popolo cattivo… E non dico solo quello italiano, l’umanità. Ce l’abbiamo con tutti…”.
Toscani rivela che, solo per un fortuito ritardo, quella mattina non si è trovato a dover passare per il ponte crollato. Lui, proprio quella mattina avrebbe dovuto percorrere quel viadotto in moto, insieme al figlio per andare in Francia. “Mentre stavo partendo da casa mi ha chiamato un tecnico del mio service, che doveva raggiungermi a casa. E mi ha detto: sono in ritardo. Ho voluto aspettarlo…”, racconta e aggiunge:”Grazie a quel ritardo sono partito un’ora e mezza dopo, senno sarei stato là”

Superstiti, è una corsa contro il tempo: “Ci sono altre persone lì sotto”