Home Cronaca “La bambina non respirava più. Da lontano sentivo le grida della madre”

“La bambina non respirava più. Da lontano sentivo le grida della madre”

CONDIVIDI

Un’altra tragedia, una scena simile a quella accaduta alla 13 enne Sara Francesca Basso, morta a Sperlonga, in una piscina di hotel, per annegamento. E’ accaduto a Gallipoli, in un parco acquatico, lo Splash, giovedì.
Mario Vecchio, giornalista, si è trovato lì nei momenti più critici e e ha raccontato quanto accaduto. Verso le 15.30, una bambina di soli 4 anni è sparita sotto il pelo dell’acqua di una delle piscine della struttura senza riuscire a riemergere.

La fortuna della bambina, originaria di Palmariggi, è stata che il bagnino, Lorenzo De Lorenzis, l’ha vista ha capito subito che qualcosa non andava, si è precipitato nella piscina e ha ripescato la bambina. Immediata la chiamata al 118.«Quando il bagnino ha lanciato l’allarme, io ho subito chiesto per radio l’intervento del nostro servizio medico – ha raccontato  Mario Vecchio – mi sono precipitato anche io. Insieme a me, fortunatamente, è anche arrivato un medico che si trovava in quel momento vicino alla piscina, Monia Signore, che lavora nel reparto di ginecologia a Galatina. La dottoressa le ha praticato un massaggio cardiaco e io la respirazione bocca a bocca. Siamo andati avanti, disperati, per dei lunghi minuti. Finalmente poi la piccola ha ripreso conoscenza e ha vomitato, acqua e cibo. Poi è arrivato il personale del 118 a cui abbiamo affidato la piccola, che sembrava essersi un po’ ripresa fortunatamente. Da lontano sentivo le grida della madre, tenuta lontana per permettere ai soccorritori di lavorare».

La piccola è stata portata in ospedale a Gallipoli per gli accertamenti di rito. Le sue condizione sono discrete. Quando si è svegliata ha detto di ricordare tutto. Una grande paura, un pericolo reale sventato con sangue freddo e tempismo, anche se dopo, pensando a quanto prossimi si è giunti alla tragedia l’emozione è fortissima, quell’emozione che nei momenti pià concitati si è dovuta tenere a freno per tentare di fare la scelta migliore.
«Ho perso 20 anni di vita ma sono felice – ha osservato Mario Vecchio – prima che portassero via la bambina la gente ha applaudito. Io sono entrato in ambulanza e le ho dato un bacio. Non sono riuscito a trattenere le lacrime»