Home Cronaca “Antonietta Gargiulo ancora non sa, è sedata”

“Antonietta Gargiulo ancora non sa, è sedata”

CONDIVIDI
(Websource/archivio)

Antonietta Gargiulo è ancora sedata e ricoverata nella terapia intensiva dell’ospedale San Camillo di Roma. Le condizioni della donna, 39 anni, moglie del carabiniere Luigi Capasso, autore della strage familiare di ieri mattina a Cisterna di Latina restano sono gravi ma stazionarie e la prognosi rimane al momento riservata. La donna avrebbe ferite da colpi d’arma da fuoco alla mandibola, alla scapola e all’addome. I medici stanno valutando quando sottoporla a un intervento maxillo-facciale alla mascella sinistra, colpita da un proiettile.  L’operazione potrebbe esserci nelle prossime ore, forse in giornata. Una vicina di casa ha così ha raccontato: “dal balcone ho visto Antonietta in terra, ferita, gridava aiuto”. La famiglia che abita nell’appartamento al terzo piano racconta di aver sentito altri spari, tre o quattro, tra le 5,30 e le 6, dopo avere ascoltato i tre colpi che avevano raggiunto Antonietta.

“Luigi Capasso? Era stato sospeso dai Carabinieri per 5 anni”

“Luigi Capasso? Era stato sospeso dai Carabinieri per 5 anni. Antonietta ha perso tutto perchè non ha voluto rovinarlo”. Si potrebbe riassumere così l’insieme di fatalità che hanno portato alla tragedia di ieri, a Cisterna di Latina. Le amiche di Antonietta e i parenti sapevano delle liti e della violenza. A settembre scorsol’episodio più grave, nei pressi dello stabilimento della Findus dove lavorava la moglie. La donna fu aggredita verbalmente e minacciata davanti ai colleghi. Il 7 settembre si era presentata a Latina, in Questura, e aveva dichiarato «Sono stata vittima di un’aggressione verbale in casa, davanti alle mie figlie. Poi si è presentato qualche giorno dopo sul mio posto di lavoro, mi ha strattonato davanti a un’altra persona perché voleva sapere chi era stato a mandarmi un sms che aveva letto sul mio cellulare»